Vedi tutti

La quinta edizione del festival di Gucci con C2C

Due giorni di musica, conversazioni e performance in un inno alla bellezza unconventional

La quinta edizione del festival di Gucci con C2C  Due giorni di musica, conversazioni e performance in un inno alla bellezza unconventional
@aya
@bardelli
@DJ Python
@lyrapramuk
@phisicaltherapy

Il 31 marzo e il 1 aprile, Milano ospiterà C2CMLN shared by Gucci, la quinta edizione della collaborazione creativa tra  Gucci e C2C festival: due giorni di musica, conversazioni e performance, un inno alla bellezza aliena, alla psichedelia futuristica, all’avanguardia collettiva e alla libertà del corpo. 

In scaletta quattro volti dell’avant-pop internazionale: il perturbante e affascinante universo  sonoro di aya, il folk futurista di Lyra Pramuk, il reggaeton psichedelico di DJ Python e il  pop alieno di yeule.  Il corpo sarà l’oggetto del talk in programma  lo stesso giorno, giovedì 31 marzo, alle 18:00 nello Spazio Agorà di Triennale Milano,  realizzato in collaborazione con miart. L’evento  vedrà in dialogo la fotografa Giovanna Silva e il coreografo Michele Rizzo, due figure che  con il loro lavoro offrono delle letture sulla vita notturna, sul ballo come linguaggio, sull’espressione dei corpi.  Mentre Silva indaga la radicalità dello spazio  delle discoteche e dei club, come attestato dal  lavoro ‘Nightswimming: Discotheques from  the 1960’s to the Present 2015’, Rizzo esplora  il ruolo sociale e il potere catartico della danza nei club.

@aya
@bardelli
@phisicaltherapy
@lyrapramuk
@DJ Python

C2CMLN shared by Gucci si chiuderà nella serata del primo aprile all’Apollo dalle 22:30  con Daniele Baldelli e Physical Therapy e in partnership con Disco Diva. Attivo dagli anni ‘70, Daniele Baldelli è un  pioniere e precursore assoluto della figura del dj, da sempre uno degli interpreti principali della scena afro e disco in Italia. A raccogliere il testimone di Baldelli in consolle ci sarà Physical Therapy, camaleontico dj e producer statunitense, autore di un catalogo dall’impressionante varietà stilistica e una delle figure più vitali della scena  contemporanea newyorchese.