Una serie di bottiglie d’acqua in vetro reciclabile, con tappo in bambù e copertura in silicone bianca con marchio "evian" stampato in grigio e la frase “RAINBOW INSIDE” in diverse sfumature (rosa, viola, blu chiaro e blu scuro). È questo il primo progetto realizzato da Virgil Abloh nel nuovo ruolo di Creative Advisor per Sustainable Innovation Design.

Il fondatore di Off-White e direttore creativo del menswear di Louis Vuitton è il re Mida della moda, un uomo in grado di trasformare in oro tutto quello che tocca e, per questo, tutti vogliono collaborare con lui. Rimowa, Nike, Ikea e ora evian. L'azienda di acqua minerale controllata da Danone ha scelto il designer non solo per occuparsi del design delle bottiglie. Abloh avrà il compito di rendere il processo di progettazione più sostenibile e trovare il modo più forte per comunicare la svolta green di Evian, che che punta a diventare un marchio circolare al 100% entro il 2025, con l'obiettivo di trasformare tutte le sue bottiglie d'acqua in plastica riciclata. Certo Virgil è dotato di un talento versatile, come provano i suo tanti interessi e le sue partnership, ma forse in pochi ricordano che può vantare anche, oltre un curriculum eclettico,  una laurea in ingegneria civile. Tutto il suo sapere è confluito nella creazione nel nuovo design di queste bottiglie d’acqua in edizione limitata personalizzate dalla società di filtrazione dell’acqua Soma, che presto saranno in vendita esclusivamente su MATCHESFASHION.com.

Ecco la prima bottiglia evian by Virgil Abloh Il primo progetto del designer in collaborazione con il brand di acqua francese | Image 0

Il prezzo non è ancora stato comunicato, ma una bottiglia SOMA standard viene solitamente venduta al dettaglio per $30, una decifra decisamente più alta degli 8€ per 750 ml dell’Evian griffata con l’occhio-logo di Chiara Ferragni.

Ricorderete tutti le critiche che hanno colpito la famosa influencer, accusata di trasformare un prodotto che dovrebbe essere accessibile a tutti in un item elitario. La polemica fu talmente aspra da produrre, insieme ad una valanga di meme ironici, un esposto del Codacons che definì il prezzo del prodotto “immorale e potenzialmente illegittimo”, chiedendo al Ministero dello Sviluppo economico di vietarne la vendita in Italia. Nonostante qualcuno definisca la collaborazione Evian-Chiara Ferragni epic fail, le bottiglie sono andate sold-out. È lecito, quindi, domandarsi ora cosa succederà a questo progetto di Virgil Abloh. Probabilmente lo stesso destino, ma con critiche meno aspre e dure, come è successo per altre partnership di evian. L’azienda da sempre associata con il concetto di acqua di lusso, almeno da quando nel 1934 Agata Christie la citò in Assassinio sull'Orient Express, in passato, ha già realizzato versioni esclusive dei suoi prodotti con Christian Lacroix, Alexander Wang, Kenzo, Jean Paul Gaultier, Paul Smith, Issey Miyake, Courrèges e Diane von Furstenberg