La decisione è appena stata annunciata: Tumblr dice addio al porno. A partire dal 17 dicembre, sulla piattaforma saranno vietate tutte le foto, le illustrazioni, le gif e i video con contenuti pornografici e quelli in cui si vedono donne con i capezzoli scoperti. Rimarranno consentite le immagini artistiche (a meno che non mostrino atti sessuali), quelle di nudo durante proteste politiche, le foto di bambini appena nati e le foto di donne che allattano al seno. I gestori dei profili che hanno al loro interno post “per adulti”  riceveranno nei prossimi giorni delle mail di avvertimento sulla cancellazione dei loro contenuti, ma i loro account rimarranno accessibili. 

Tumblr mette al bando il porno È la fine di Tumblr? | Image 0

Il nuovo provvedimento arriva come reazione alla esclusione di Tumblr, avvenuta a metà novembre, dallo store di Apple per la presenza di materiale pedopornografico e potrebbe segnare l’inizio della fine della piattaforma di microblog. I contenuti “hot”, infatti, sono da sempre una delle sue modalità di utilizzo più diffuse tanto che, già qualche anno fa, un articolo di Cosmopolitan sottolineava come l’ossessione per il porno su Tumblr stesse diventando un fenomeno sociale per i ventenni. La notizia, che segue il recente annuncio di Starbucks dell’introduzione dal 2019 di filtri che impediranno di vedere siti “adulti” nei suoi locali (scatenando un boicottaggio da parte di Youporn),ha avuto una forte eco sui Twitter e sugli altri social. La migliore? Quella del sito bitchyf.it, secondo cui ora “Tumblr diventerà Cioè”. Leggetene qualche altra qui sotto. Voi che ne pensate?