All'indomani dell'inaugurazione dell'Ambasciata Usa a Gerusalemme, ci sono state delle proteste a Gaza. Circa 15mila palestinesi si sono avvicinati al confine lanciando pietre verso i soldati israeliani, che hanno risposto con il fuoco. Il risultato è stato più di 60 morti e oltre 2.400 feriti tra i palestinesi, tra cui persino una bambina di 8 mesi.

Nessuno può rimanere indifferente a simili fatti, nemmeno sulla Croisette di Cannes.

Decine di persone, infatti, tra cui la giuria della sezione “Un Certain Regard” con il suo presidente Benicio Del Toro, si sono riunite affianco al padiglione della Palestina, alla sua prima presenza con il Film Institute al Festival francese, in segno di solidarietà alla popolazione martoriata e contro la violenza e i raid di Israele a Gaza.

Al Festival di Cannes 2018 manifestazioni di solidarietà per la Palestina Stop the Attack on Gaza | Image 0
La regista Annemarie Jacir ha guidato una manifestazione e si è rivolta così alla folla: "Oggi siamo qui solidali con le persone che hanno perso la vita e le persone care. Voglio che tutti si tengano per mano e dimostrino che abbiamo un legame umano l'uno con l'altro e resistono all'essere disumanizzati e messi a tacere".

Sul red carpet della premiere di “Solo: A Star Wars Story” anche l’attrice libanese Manal Issa ha dimostrato la sua solidarietà,  mostrando un cartello che recitava "Stop The Attack on Gaza".

Non solo il mondo del cinema ha fatto sentire la propria indignazione per i terribili fatti di Gaza, ma anche le sorelle Hadid. Su Twitter Gigi ha scritto: “L'ho già detto in passato e continuerò a farlo. Per me, non si tratta di religione. Ma di avidità”. 

Su Instagram, all'indomani della decisione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, ha postato: “Il trattamento riservato alla popolazione palestinese è ingiusto, unilaterale e non dovrebbe essere tollerato. Io sto con la Palestina”.