Kering ha deciso di rinunciare alla sua quota di maggioranza di Puma. 

Il colosso del lusso terrà solo un 16% delle azioni della società tedesca di sportswear e distribuirà il 70%. Artémis, primo azionista di Kering, rimarrà in Puma con una quota di circa il 29%.

Questa operazione, sulla quale dovranno esprimersi gli azionisti di Kering il 26 aprile, rientra nel piano del suo manager François Henry Pinault di dedicarsi a rafforzare il settore del lusso e puntare su griffe come Gucci, Saint Laurent e Bottega Veneta.

"La proposta di distribuire le azioni Puma ai nostri azionisti costituisce una tappa decisiva nella storia del gruppo. Kering si potrà così dedicare interamente allo sviluppo delle sue aziende di lusso", spiega l’uomo, aggiungendo, "Siamo orgogliosi di aver accompagnato il risanamento del marchio, che oggi possiede dei punti di forza unici per approfittare delle dinamiche globali dei suoi mercati".