Vedi tutti

Nike salva la Terra con le sustainable bubbles

“Gran parte del processo per raggiungere questi obbiettivi si basa su come Nike realizza le sue Air unit”

Nike salva la Terra con le sustainable bubbles “Gran parte del processo per raggiungere questi obbiettivi si basa su come Nike realizza le sue Air unit”
Come bonus step, Nike ricicla il 90% degli scarti della sua produzione rendendo il processo ancora più sostenibile.

Come bonus step, Nike ricicla il 90% degli scarti della sua produzione rendendo il processo ancora più sostenibile.

Una volta approvati, le unità Air sono spedite ad altre fabbriche Nike dove verranno unite alle diverse tomaie.

Una volta approvati, le unità Air sono spedite ad altre fabbriche Nike dove verranno unite alle diverse tomaie.

Il risultato, le borse d’aria sono ora pronte all’ultimo step: l’ispezione.

Il risultato, le borse d’aria sono ora pronte all’ultimo step: l’ispezione.

La parte divertente avviene ora quando viene pompato all’interno degli stampi l’idrogeno pressurizzato.

La parte divertente avviene ora quando viene pompato all’interno degli stampi l’idrogeno pressurizzato.

Le forme vengono poi rifinite e pulite attorno ai bordi.

Le forme vengono poi rifinite e pulite attorno ai bordi.

Il TPU viene tagliato per ricavare solo gli stampi.

Il TPU viene tagliato per ricavare solo gli stampi.

Gli stampi fungono da corrispettivo per le unità Air.

Gli stampi fungono da corrispettivo per le unità Air.

Il processo continua pressando il TPU per creare degli stampi.

Il processo continua pressando il TPU per creare degli stampi.

Una volta che il TPU raggiunge la giusta temperatura, una pressa viene messa in posizione.

Una volta che il TPU raggiunge la giusta temperatura, una pressa viene messa in posizione.

I due fogli di TPU vengono poi riscaldati.

I due fogli di TPU vengono poi riscaldati.

Tutto comincia con due fogli di TPU (poliuretano termoplastico), che vengono allineati in un macchinario di termoformatura.

Tutto comincia con due fogli di TPU (poliuretano termoplastico), che vengono allineati in un macchinario di termoformatura.

Negli ultimi giorni Nike ha pubblicato il suo Sustainable Business Report e gli obbiettivi fissati sono da vero game changer del settore.

Questo report mostra l’impegno di Nike, per i prossimi trent’anni, nel raggiungere obbiettivi di sostenibilità concreti. Ma, più di tutto, due aspetti hanno catturato la nostra attenzione: il 75% delle scarpe e dell'abbigliamento contiene materiali riciclati, non a caso Nike è il leader di settore nell’utilizzo di poliestere riciclato. 

Filati, suole e campi da basket sono solo alcuni degli esempi dei molti prodotti che Nike crea trasformando bottiglie di plastica, scarti di produzione e prodotti usati in nuovi materiali. Ma volete sapere anche qual è uno di questi?

Le unità Air.

Probabilmente il prodotto più iconico di Nike è prodotto con processi sostenibili. Infatti il brand dichiara:

"Air is one of Nike’s most sustainable innovations".

Introdotta nel 1979 l’unità Air consiste in una borsa di plastica flessibile riempita di aria pressurizzata che normalmente viene riposta nella midsole sotto il tallone, la punta o entrambi, dando così la sensazione di camminare nell’aria. Nike ha sempre lavorato con lo scopo di migliorare i diversi aspetti di questa tecnologia. Negli ultimi dieci anni Nike ha realizzato Air unit sempre più grandi, resistenti e leggere, ma nel 2018 non è abbastanza.

Le aziende nel 2018 devono prendere in considerazione l’impatto del loro operato sulle vite delle persone e sulla vita del nostro pianeta, ponendosi obbiettivi concreti per ridurre l’impatto sulla terra come l’utilizzo di materiali riciclati ed energie sostenibili.

Nike ha già fissato i suoi obbiettivi, come accrescere la percentuale di materiali riciclati impiegati nei suoi processi produttivi e raggiungere il 100% dell’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili per le sue fabbriche nel nord America entro il 2019 (che rappresenta la metà dell’obbiettivo a livello mondiale, prefissato per il 2025).

“Gran parte del processo per raggiungere questi scopi si basa su come Nike realizza le sue Air unit”

afferma Nike. attraverso 11 illustrazioni che spiegano come vengono realizzate le borse d’aria. In questo caso è stata scelta la super innovativa e gigantesca suola VaporMax.

Ecco le creative illustrazioni, e speriamo che questo articolo vi faccia riflettere su come un’azienda dovrebbe essere nel 2018 e nel futuro.

Tutto comincia con due fogli di TPU (poliuretano termoplastico), che vengono allineati in un macchinario di termoformatura.

Tutto comincia con due fogli di TPU (poliuretano termoplastico), che vengono allineati in un macchinario di termoformatura.

I due fogli di TPU vengono poi riscaldati.

I due fogli di TPU vengono poi riscaldati.

Una volta che il TPU raggiunge la giusta temperatura, una pressa viene messa in posizione.

Una volta che il TPU raggiunge la giusta temperatura, una pressa viene messa in posizione.

Il processo continua pressando il TPU per creare degli stampi.

Il processo continua pressando il TPU per creare degli stampi.

Gli stampi fungono da corrispettivo per le unità Air.

Gli stampi fungono da corrispettivo per le unità Air.

Il TPU viene tagliato per ricavare solo gli stampi.

Il TPU viene tagliato per ricavare solo gli stampi.

Le forme vengono poi rifinite e pulite attorno ai bordi.

Le forme vengono poi rifinite e pulite attorno ai bordi.

La parte divertente avviene ora quando viene pompato all’interno degli stampi l’idrogeno pressurizzato.

La parte divertente avviene ora quando viene pompato all’interno degli stampi l’idrogeno pressurizzato.

Il risultato, le borse d’aria sono ora pronte all’ultimo step: l’ispezione.

Il risultato, le borse d’aria sono ora pronte all’ultimo step: l’ispezione.

Una volta approvati, le unità Air sono spedite ad altre fabbriche Nike dove verranno unite alle diverse tomaie.

Una volta approvati, le unità Air sono spedite ad altre fabbriche Nike dove verranno unite alle diverse tomaie.

Come bonus step, Nike ricicla il 90% degli scarti della sua produzione rendendo il processo ancora più sostenibile.

Come bonus step, Nike ricicla il 90% degli scarti della sua produzione rendendo il processo ancora più sostenibile.