Vedi tutti

Qual è il tuo stile da film post-apocalittico?

Prima di ritrovarvi in una distopia vera, scegliete il vostro guardaroba

Qual è il tuo stile da film post-apocalittico? Prima di ritrovarvi in una distopia vera, scegliete il vostro guardaroba
Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Antiviral ( Brandon Cronenberg, 2012)

Antiviral ( Brandon Cronenberg, 2012)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

Into Darkness - Star Trek (J.J. Abrams, 2013)

Into Darkness - Star Trek (J.J. Abrams, 2013)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Gattaca (Andrew Niccol, 1997)

Gattaca (Andrew Niccol, 1997)

Ex Machina (Alex Garldand, 2015)

Ex Machina (Alex Garldand, 2015)

Æon Flux  (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux  (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux (Karyn Kusama, 2010)

Ghost in the Shell (Mamoru Oshii, 1995)

Ghost in the Shell (Mamoru Oshii, 1995)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

Resident Evil: Extinction. (Russell Mulcah, 2007)

Resident Evil: Extinction. (Russell Mulcah, 2007)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Waterworld (Kevin Reynolds, 1995)

Waterworld (Kevin Reynolds, 1995)

The Book of Eli (Albert & Allen Hughes, 2010)

The Book of Eli (Albert & Allen Hughes, 2010)

The Road (John Hillcoat, 2009)

The Road (John Hillcoat, 2009)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

I Am Legend (Francis Lawrence, 2005)

I Am Legend (Francis Lawrence, 2005)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Elysium (Neill Blomkamp, 2013)

Elysium (Neill Blomkamp, 2013)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

Resident Evil: Retribution (Paul W. S. Anderson, 2012)

Resident Evil: Retribution (Paul W. S. Anderson, 2012)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Blade Runner 2049 (Denis Villeneuve, 2017)

Blade Runner 2049 (Denis Villeneuve, 2017)

Strange Days (Kathryn Bigelow, 1995)

Strange Days (Kathryn Bigelow, 1995)

The Purge: Anarchy (James DeMonaco, 2014)

The Purge: Anarchy (James DeMonaco, 2014)

Terminator (James Cameron, 1984)

Terminator (James Cameron, 1984)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

Demolition Man (Marco Brambilla, 1993)

Demolition Man (Marco Brambilla, 1993)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Dark City (Alex Proyas, 1995)

Dark City (Alex Proyas, 1995)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

The Handmaid's Tale (2017)

The Handmaid's Tale (2017)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Children of Men (Alfonso Cuaron, 2006)

Children of Men (Alfonso Cuaron, 2006)

Idiocracy (Mike Judge, 2006)

Idiocracy (Mike Judge, 2006)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Battle Royale (Kinji Fukasaku, 2000)

Battle Royale (Kinji Fukasaku, 2000)

A quiet place (John Krasinski, 2018)

A quiet place (John Krasinski, 2018)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Escape from New York (John Carpenter, 1981)

Escape from New York (John Carpenter, 1981)

Nel lontano 1932, uno dei più grandi geni della storia del cinema, il tedesco Fritz Lang, creò in un colpo solo il cinema distopico come lo conosciamo con il suo epico film muto Metropolis. Poco meno di un secolo dopo, il cinema distopico e post-apocalittico è diventato uno dei sotto-generi  più popolari del genere fantascientifico. Nonostante la loro (apparente) varietà questi film hanno immaginato un futuro che, oggi, non sembra nemmeno troppo improbabile. Lo stile dei costumi dei film post-apocalittici può essere ricondotto a cinque filoni estetici generali a seconda dell’ambientazione della loro storia, nss magazine li ha elencati per voi, così che quando l'apocalisse arriverà davvero, vi troverà preparati.

Survivalist

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Fury Road (George Miller, 2015)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Mad Max: Beyond Thunderdome (George Miller, 1985)

Resident Evil: Extinction. (Russell Mulcah, 2007)

Resident Evil: Extinction. (Russell Mulcah, 2007)

The Book of Eli (Albert & Allen Hughes, 2010)

The Book of Eli (Albert & Allen Hughes, 2010)

Elysium (Neill Blomkamp, 2013)

Elysium (Neill Blomkamp, 2013)

The Road (John Hillcoat, 2009)

The Road (John Hillcoat, 2009)

Waterworld (Kevin Reynolds, 1995)

Waterworld (Kevin Reynolds, 1995)

I Am Legend (Francis Lawrence, 2005)

I Am Legend (Francis Lawrence, 2005)

L’estetica survivalist è tipica di film ambientati dopo una qualche catastrofe ambientale o una pandemia. I protagonisti di questi film si ritrovano a vivere in una natura divenuta all’improvviso ostile. Questi film raramente hanno ambientazioni cittadine: l’esempio migliore è di sicuro la saga di Mad Max, composta da quattro film, tutti diretti da George Miller, ambientata in un deserto futuristico dominato da gang da biker-guerrieri ma ci sono eccezioni, come la New York di Io sono leggenda. Il fattore distintivo, qui, rispetto al resto dei film post-apocalittici è chela società non è cambiata ma si è disintegrata, semplicemente non ne esiste più una. In generale, i protagonisti di questi film preferiscono la praticità all’aggressività, i loro abiti sono color terra e i due item principali che compongono l’outfit survivalist sono una canottiera sdrucita e cargo pants abbinati a stivali da combattimento. 

Sleek-chic

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

The Matrix (Andy & Lana Wachowski, 1999)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Equilibrium (Kurt Wimmer, 2002)

Gattaca (Andrew Niccol, 1997)

Gattaca (Andrew Niccol, 1997)

Ex Machina (Alex Garldand, 2015)

Ex Machina (Alex Garldand, 2015)

Resident Evil: Retribution (Paul W. S. Anderson, 2012)

Resident Evil: Retribution (Paul W. S. Anderson, 2012)

Ghost in the Shell (Mamoru Oshii, 1995)

Ghost in the Shell (Mamoru Oshii, 1995)

Æon Flux  (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux  (Karyn Kusama, 2010)

Æon Flux (Karyn Kusama, 2010)

Into Darkness - Star Trek (J.J. Abrams, 2013)

Into Darkness - Star Trek (J.J. Abrams, 2013)

The Handmaid's Tale (2017)

The Handmaid's Tale (2017)

I film distopici che seguono quest’estetica tendono ad avere ambientazioni più urbane. Le storie variano molto, a seconda nella natura dei conflitti all’interno della storia, ma gli outfit di questi film sono l’esatto opposto dello stile survivalist: minimali, aderenti, spesso di colori scuri e universalmente lineari e semplici. L’item-simbolo di questi film è la cosiddetta catsuit, ovvero la tuta attillata, diventata popolare grazie ai film di supereroi, che copre l’intero corpo ma fra le variazioni possibili ci sono anche abiti sartoriali decostruiti e tuniche fluenti. Unico film leggermente fuori posto fra quelli che vedrete in gallery è Star Trek: Into Darkness, che non è legato al filone distopico ma il cui antagonista, Khan, rappresenta un esempio perfetto del suo stile. 

Dystopian Normcore

Children of Men (Alfonso Cuaron, 2006)

Children of Men (Alfonso Cuaron, 2006)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Snowpiercer (Bong Jon-hoo, 2013)

Idiocracy (Mike Judge, 2006)

Idiocracy (Mike Judge, 2006)

Battle Royale (Kinji Fukasaku, 2000)

Battle Royale (Kinji Fukasaku, 2000)

A quiet place (John Krasinski, 2018)

A quiet place (John Krasinski, 2018)

Il normcore distopico è uno dei filoni più interessanti dell’estetica post-apocalittica, spesso ambientato in un futuro non troppo lontano. I film di questo filone sono ambientati in società urbane esteriormente simili alla nostra ma, a seconda dei casi, più violente od oppressive o dominate dal crimine. Snowpiercer e I figli degli uomini sono gli esempi più emblematici del filone – che si distingue dallo sleek chic sia per la relativa normalità della sua estetica, oltre che per il fatto che i suoi protagonisti non sono guerrieri ma persone ordinarie costrette a difendersi. Inutile dire che questi sono spesso anche i film più spaventosi nella loro capacità di mostrarci i tratti più distruttivi e tossici della nostra società, ma anche i più sottili farlo.

Tech Noir

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner (Ridley Scott, 1982)

Blade Runner 2049 (Denis Villeneuve, 2017)

Blade Runner 2049 (Denis Villeneuve, 2017)

Dark City (Alex Proyas, 1995)

Dark City (Alex Proyas, 1995)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Minority Report (Steven Spielberg, 2002)

Strange Days (Kathryn Bigelow, 1995)

Strange Days (Kathryn Bigelow, 1995)

I film cosiddetti Tech Noir sono storie che hanno alla base crimini e complotti ambientate in società futuristiche e distopiche. C’è meno azione rispetto al resto dei film del filone ma la loro estetica non riflette la società moderna quanto piuttosto quella passata. Fondatore di questa particolare estetica è l’iconico Blade Runner di Ridley Scott, i cui costumi richiamavano l’iconografia del noir anni ’40. L’estetica di questi outfit alterna di solito rigore e stravaganza, ma le variazioni sono davvero infinite. Item-simbolo di questo filone è l’outerwear, sempre scuro, spesso elaborato, e spesso debitore del celebre trench dei detective di una volta.

Punk fighter

The Purge: Anarchy (James DeMonaco, 2014)

The Purge: Anarchy (James DeMonaco, 2014)

Terminator (James Cameron, 1984)

Terminator (James Cameron, 1984)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Reign of Fire (Rob Bowman, 2002)

Escape from New York (John Carpenter, 1981)

Escape from New York (John Carpenter, 1981)

Demolition Man (Marco Brambilla, 1993)

Demolition Man (Marco Brambilla, 1993)

RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

L’estetica punk è molto vicina a quella survivalist ma se ne differenza per l’ambientazione della storia. Se i film post-apocalittici survivalist hanno come protagonista silenzioso l’ambiente naturale, quelli in cui si ritrovano i personaggi ispirati all'estetica punk sono i quartieri più malfamati di grandi città del futuro e largamente ispirati all’estetica punk degli anni '80, con un’enfasi posta sulla reinterpretazione in senso dissacratorio dell'uniforme militaresca o più vicini all'estetica delle gang dei bassifondi.

Antiviral ( Brandon Cronenberg, 2012)

Antiviral ( Brandon Cronenberg, 2012)