nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

Il significato della sfilata di Gucci alla Fashion week

Lo show di Michele mette in dubbio il ruolo della moda nel mondo contemporaneo, il potere e l'individualità

Il significato della sfilata di Gucci alla Fashion week Lo show di Michele mette in dubbio il ruolo della moda nel mondo contemporaneo, il potere e l'individualità

Nelle ultime stagioni, Gucci è costantemente rimasto uno dei marchi sulla cresta dell'onda, un successo merito di Alessandro Michele e testimoniato dal riconoscimento pubblico del brand, e dai numeri di vendite e profitti che il marchio ha realizzato da quando la coppia Bizzarri-Michele ha preso il controllo. Le vendite di Gucci dopo anni di boom stanno ritornando su dei livelli normali e per questo - insieme ad altri motivi - in molti si sono chiesti quale sarà il futuro del marchio, se Michele continuerà a puntare sul massimalismo barocco delle ultime collezioni e sulla Guccification delle collezioni.

Ieri Michele ha risposto in modo appropriato a tutte quelle domande con una collezione che era tanto ridotta quanto referenziale a Gucci nel periodo degli anni '90, e sebbene volesse creare una collezione con una visione alternativa, non poteva prescindere dall'elemento più importante: una storia. Lo show è ciò che rimarrà di questa Fashion week milanese, annegata nella nostalgia con Jennifer Lopez da Versace e nell'austera sfilata di Prada che aveva aperto la settimana della moda.

Potrebbe anche interessarti

Lo sfilata di Gucci parte dalla location: una stanza incontaminata, divisa da nastri trasportatori verde e colorata da luci rosse, ma quando le porte di metallo si sono chiuse e le luci tremolanti si sono accese, hanno svelato uno spazio clinico completamente bianco, asettico e freddo. Poco dopo, alcuni modelli sono usciti su nastri trasportatori, indossando variazioni di camicie di forza. Fermi, sono stati trasportati dal nastro mantenendo un'espressione gelida e spenta.

Le immagini, sebbene all'inizio possano sembrare scoraggianti, si riferivano al concetto di biopolitica -un termine reso popolare dal filosofo francese Michel Foucault. In sintesi, la biopolitica è il potere sulla vita e sui corpi. Comprende, ma non si limita a, l'idea che il governo abbia il controllo sugli corpi, ad esempio nel caso in cui il governo abbia esercitato forza sul biopotere contro le leggi sull'aborto negli Stati Uniti. È anche un concetto che valorizza i corpi di alcuni più di altri in base all'economia: un uomo bianco, sano è muscoloso, è molto più apprezzato di una sindrome di down o di una donna di colore disabile.

Con questa idea di aprire la sfilata in forme di camicie di forze, Michele fa luce su come il concetto di biopolitica influenza e limita tutti noi come società e si chiede la domanda: se la moda, nella sua vasta varietà di forme, forme e colori, possa offrirsi come una forma di resistenza attraverso una celebrazione dell'individualità e della diversità. La sfilata è stata quindi una riflessione sul concetto di potere contemporaneo, che non sarebbe più dispotico, concentrato e riconoscibile ma frammentato e comunque in grado di «imporre regole di comportamento che vengono interiorizzate dagli individui»

Allo stesso modo, dopo la processione di abiti bianchi, Alessandro ha offerto una collezione, che potrebbe essere classificata come il suo gruppo contestatori contro le norme sociali della biopolitica con abiti viola, cappotti rosa brillante e persino aggiunte di umorismo sessuale con abiti antiscivolo di pizzo, girocolli in vinile nero e alcuni modelli che trasportano fruste di piume come accessori. E sebbene i colori e i motivi fossero al massimo volume, con sorpresa di molti, il designer ha deciso di mantenere le sagome pulite e semplici in modo da mantenere le citazioni al marchio nelle ere precedenti, cosa che aiuterà anche con la commercializzazione e la produzione.