Ad Amsterdam, presso il Markt Kwartier (mercato alimentare) della città, è ricomparso, dopo 30 anni di oblio, un enorme murale di Keith Haring, la più grande opera dell'artista newyorchese presente in Europa. 

Il lavoro risale alla prima esposizione museale europea di Haring a Rotterdam nel 1982, che, quattro anni dopo, nella primavera del 1986, venne seguita da una mostra solista allo Stedelijk Museum. Il murale, realizzato in due giorni, era un dono, un ringranziamento alla città olandese.

Purtroppo, qualche tempo dopo il murale fu interamente ricoperto da pannelli d'alluminio installati per regolare la temperatura all'interno dell'edificio.

Lo street artist Aileen Middel, conosciuto come Mick la Rock ha lanciato la campagna #SaveOurHaring e, dopo 4 anni, è riuscito a riportare alla luce il prezioso “segreto”.

Se, invece, volete restare in Italia e scoprire uno degli artisti contemporanei più significativi del XX secolo, dal 29 giugno al 16 settembre 2018 a Palermo, all’interno di Villa Zito, si potranno visitare opere di Keith Haring provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private.

A “hidden” #KeithHaring mural was just unveiled in Amsterdam! by @sashabogojev

Un post condiviso da Juxtapoz Magazine (@juxtapozmag) in data: