nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

Come cambieranno Facebook, Instagram e WhatsApp

Tutte le novità annunciate da Mark Zuckerberg

Come cambieranno Facebook, Instagram e WhatsApp Tutte le novità annunciate da Mark Zuckerberg

Negli ultimi due anni un forte vento di cambiamento ha investito il mondo dei social media. La questione più spinosa è quella che riguarda la nostra privacy e quanto le nostre informazioni personali siano utilizzate a nostra insaputa dalle grandi aziende. Secondo quanto dichiarato da Mark Zuckerberg, starebbero per arrivare drastici cambiamenti in questo senso. Abbiamo provato a riassumerli qui sotto. 

 

Il futuro è privato

Nel 2010 il CEO di Facebook Mark Zuckerberg dichiarò che "l'era della privacy era finita" e che Facebook e gli altri social network avrebbero riflesso questa nuova realtà. Fast forward a nove anni dopo, tra scandali e controversie riguardo all'utilizzo dei dati privati degli utenti di Facebook, Zuckerberg ha radicalmente cambiato idea. Durante F8, la conferenza annuale organizzata per gli sviluppatori di social media, tenutasi a San Jose, Zuckerberg è salito sul palco con un messaggio diverso alle sue spalle, proiettato a caratteri cubitali sullo schermo, 'Il futuro è privato'. Con esso sono arrivati una serie di annunci riguardanti i servizi e le applicazioni del gruppo Facebook, che oltre a FB e Messenger include Instagram e WhatsApp. 

Il paradigma è completamente cambiato negli ultimi dieci anni. Quando Facebook uscì diventò un caso, proprio perché non iscriversi al social network significava rimanere fuori da una community digitale su scala globale. Iscriversi a Facebook non solo era visto come qualcosa di 'figo', ma significava entrare a far parte di una comunità più grande. Dieci anni dopo la situazione è praticamente l'opposto: oggigiorno quasi tutti hanno un account su FB mentre le nuove generazioni vedono il social come una piattaforma destinata ai loro genitori, così come la prima generazione di utenti utilizza ormai Facebook quasi come un social a scopi lavorativi, piuttosto che per conoscere nuove persone. Ciò significa che Facebook non esercita più il fascino che aveva all'inizio e che allo stesso tempo è cambiato il modo in cui viene usato, più come un calendario per eventi e una bacheca di notizie, invece di un vero e proprio social. 

L'idea di Zuckerberg, riassunta nella frase sul futuro privato, è quella di adattare Facebook al modo nuovo in cui gli utenti utilizzano il social. Nello stesso modo in cui Instagram ha fatto un'evoluzione grazie alle Stories, molti utenti preferiscono condividere i loro contenuti in gruppi di persone più ristretti e per un lasso di tempo minore - le classiche 24h delle Ig stories - invece che rendere i propri post visibili a tutti gli amici/famigliari/colleghi/sconosciuti. La funzione di Instagram che permette di commentare e scambiarsi messaggi diretti ha in molti casi sostituito quelle che inizialmente erano i punti di forza di Facebook, soprattutto per le nuove generazioni. 

 

Il nuovo Facebook

Il nuovo Facebook che ha in mente Mark Zuckerberg è un ibrido tra il social come lo conosciamo oggi e quello che è diventato Instagram. Ciò che verrà valorizzato sono i contenuti condivisi nei gruppi e sulle pagine degli eventi, che riguardano e coinvolgono quindi un numero limitato di persone e che favoriscono messaggi diretti fra gli utenti. La sezione Notizie diventerà mano a mano sempre meno centrale nell'universo Facebook: gli iscritti si incontreranno in gruppi e comunità sempre più piccole, incentrati su determinati temi ed interessi. Il cambio delle funzionalità sarà accompagnato da una nuova veste grafica, disegnata sia per la versione da desktop sia per l'app, che sarà visibile nelle prossime settimane. Moltissimi elementi grafici sono stati resi più puliti e facili da interpretare, in modo che sia sempre più semplice capire con chi stiamo condividendo un contenuto, e come. La sezione delle Notizie come detto avrà un ruolo sempre minore, soprattutto perché è qui che circolano e hanno terreno fertile le fake news. 

 

WhatsApp

WhatsApp, una delle applicazioni più utilizzate per scambiarsi messaggi, ha circa 1.5 miliardi di utenti. E' stata questa la prima app del gruppo Facebook ad assicurare messaggi crittografati, e per molto tempo è stata considerata una piattaforma particolarmente sicura. Dopo essere stata acquisita nel 2014, Facebook ha lavorato per espandere ulteriormente le sue funzionalità, senza tradire l'idea fondamentale di proteggere la segretezza delle conversazioni. Dato che ormai il mondo occidentale sta progressivamente rinunciando al denaro contante, Facebook ha iniziato a sperimentare una nuova funzione che permette agli utenti di WhatsApp di scambiarsi piccole somme di denaro. Per il momento la nuova funzione è stata sperimentata solo in India su un campione di un milione di utenti, ma nei prossimi mesi potrebbe arrivare in tutto il mondo. Qualcosa di simile potrebbe arrivare anche su Messenger e facebook, dove gli utenti potranno acquistare prodotti selezionati da altri membri della comunità senza dover ricorrere a sistemi di pagamento esterni come PayPal. 

La linea che divide social media e retail si sta assottigliando sempre di più, e lo vediamo tutti i giorni su ogni social. Sia nel mercato principale che in quello second-hand, ci sono un interesse e desiderio crescente di acquistare prodotti in ambienti più piccoli. Ad esempio, quando vogliamo acquistare un paio di sneaker da un reseller è sempre preferibile rivolgerci a qualcuno di una community reale e affidabile, piuttosto che fidarsi di qualcuno dall'altra parte del mondo. WhatsApp introdurrà inoltre una nuova funzione dedicata proprio ai retailer che vorranno rendersi disponibili anche su quest'app. Oltre ad apparire su una mappa che ne mostra la posizione e gli orari di apertura, i commercianti potranno inoltre elencare e descivere i prodotti che hanno in negozio. 

 

Instagram 

Anche IG vuole potenziare una nuova funzione che permette di fare acquisti direttamente nell'app, una funzione da cui Facebook vorrebbe provare a trarre profitto grazie alle transazioni individuali. In seguito alla funzione Checkout introdotta il mese scorso, in futuro si potranno scegliere anche taglia e colore del prodotto. IG si sta preparando a lanciare un'ulteriore funzione che permette agli utenti di fare acquisti direttamente dagli influencer, in occasione di una release particolare. Quindi invece di fare uno screen o di chiedere maggiori info e dettagli in DM, sarà possibile toccare lo schermo per sapere esattamente cosa stanno indossando e come comprarlo direttamente su IG. Molti brand emergenti punteranno proprio sulla grande visibilità di personaggi di primo piano per instaurare un rapporto di fiducia con una clientela nuova, che non ha mai fatto acquisti con loro. 

Instagram aggiornerà inoltre il meccanismo delle Stories. Sarà ad esempio possibile pubblicare una Story senza dover iniziare per forza con un'immagine o un video scattato con la camera, e verranno inoltre introdotti nuovi effetti. Negli ultimi tempi Instagram è stato al centro del dibattito per la salute mentale dei suoi utenti, che spesso sarebbero sottoposti ad una pressione notevole da parte del social, in particolare per quanto riguarda il numero di commenti, likes e visualizzazioni. 

Facebook ha annunciato che sperimenterà in Canada un nuovo sistema che nasconde il numero dei like nella sezione principale di Instagram, mentre il numero sarà visibile nell'account personale dell'utente. Se l'esperimento avrà esito positivo, senza conseguenze per la performance degli inserzionisti, potrebbe essere esteso ad altri parti del mondo, anche se Facebook non ha rilasciato ulteriori info sull'argomento. 

 

Il futuro è il retail

Dopo tutti questi cambiamenti quello che resta da scoprire è se Facebook sarà in grado di riguadagnare la fiducia dei suoi utenti, con un numero sempre crescente di persone che abbandona il social in favore di altre piattaforme. Sembra che il futuro di Facebook sarà in declino, preferito e sorpassato da Instagram.