nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

Club To Club 2019 aggiunge nuovi nomi in line-up

Floating Points, 72-HOUR POST FIGHT e tanti altri ospiti del festival torinese in programma dal 30 ottobre al 3 novembre

Club To Club 2019 aggiunge nuovi nomi in line-up Floating Points, 72-HOUR POST FIGHT e tanti altri ospiti del festival torinese in programma dal 30 ottobre al 3 novembre

100 giorni. E' questo il tempo che ci separa dalla prossima edizione di Club To Club, il festival di avant-pop che ha reso Torino una delle capitali della musica elettronica in Europa e nel mondo. L'evento si ispira nuovamente al tema dello scorso anno, La Luce Al Buio, traendo ispirazione da una nota canzone di Franco Battiato, e ritorna dal prossimo 30 ottobre al 3 novembre. La line-up di #C2C19 è tra le più interessanti degli ultimi anni, offrendo un equilibrio imperdibile tra artisti affermati, giganti dell'industria, nomi emergenti e nuovi suoni da scoprire.

Headliner annunciato ed attesissimo di questa edizione è James Blake, che con l'ultimo album Assume Form ha confermato un talento unico e senza precedenti, in grado di combinare la sua vocalità R&B delicata e struggente insieme a bassi profondi ed elementi ritmici minimal. L'ultimo lavoro, forse il più eclettico e artistico della sua carriera, vede inoltre la partecipazione di Travis Scott, Andrè 3000, Metro Boomin, Moses Sumney e Rosalìa.

Fra i nomi più importanti nel cartellone della nuova edizione di Club To Club c'è FLUME, ovvero il musicista e produttore elettronico australiano Harley Edward Streten. Protagonista di un suono inizialmente ispirato alla house e UK garage, è diventato uno dei protagonisti della scena internazionale prima con il suo album debutto del 2012 e poi con il successivo Skin, vincitore di un Grammy Award. Il suo ritorno all'inizio del 2019 con il mixtape Hi This Is Flume ha colto tutti di sorpresa grazie al suo stile profondamente sperimentale. 

Accanto a questi due titani della scena elettronica internazionale, Club To Club annuncia oggi nuovi nomi in programma. Primo fra tutti Floating Points, fresco della performance al Sónar Festival, produttore, dj e compositore nato a Manchester diventato rapidamente uno dei musicisti più rispettati e ricercati nella scena odierna. Ma la lista continua con: ChromaticsSlowthai, Nu Guinea, il collettivo Napoli Segreta, il trio Desire, Let's Eat Grandma, Black Midi, Kelsey Lu, Skee Mask

Fresche aggiunte alla line-up sono i 72-HOUR POSTFIGHT, il progetto di Luca Bolognesi e Carlo Luciano Porrini che vede inoltre Andrea Dissimile alla batteria e Adalberto Valsecchi al sax, una delle realtà più interessanti della scena milanese e non solo. Il loro omonimo album di debutto è un flusso continuo di 30 minuti fatto di campi elettronici e colpi di scena musicali, sospinti da improvvisazioni jazz al sax, chitarre taglienti e percussioni dinamiche. A #C2C19 vedremo infine iul duo inglese Rap, tra i nomi più chiacchierati del 2019 e il collettivo torinese SPIME.IM. 

Maggiori info e biglietti per #C2C19 sono già disponibili qui