Vedi tutti

Il nuovo volto di Parigi durante la Men's Fashion Week FW21

Una settimana della moda completamente digitale che riscrive il concetto di street style

Il nuovo volto di Parigi durante la Men's Fashion Week FW21
Una settimana della moda completamente digitale che riscrive il concetto di street style
Pin
644
Il nuovo volto di Parigi durante la Men's Fashion Week FW21 Una settimana della moda completamente digitale che riscrive il concetto di street style

Si è chiusa ieri con lo show di 1017 ALYX 9SM la Paris Fashion Week Men's dedicata alla collezioni FW21. Iniziata subito dopo la settimana della moda milanese, che ha proposto un format ibrido tra digitale e fisico, l'appuntamento parigino ha optato per un'edizione interamente online, ritrovando il fasto di grandi produzioni e di set avanguardisti senza però la presenza di un pubblico. 

Mentre sulle passerelle (virtuali) si susseguivano i guizzi creativi di Virgil Abloh, Matthew Williams, Kim Jones, Rick Owens, e molti altri dei designer presenti in calendario, contribuendo a dare vita a collezioni convincenti e affascinanti, quella stessa silenziosa anormalità si respirava per le strade di Milano la ritroviamo ora a Parigi. Solitamente invasa da un esercito di fotografi, buyer, influencer, addetti ai lavori, la capitale francese, piegata dall'emergenza sanitaria, ha riscoperto l'aspetto più artigianale della collezioni, facendo sì che abiti, texture e accessori ritrovassero la loro meritata attenzione. Un'assenza assordante quella delle personalità che, oltre a modelli, make-up artist e stylist, costituiscono la vera spina dorsale di un appuntamento che si basa sulla condivisione e sull'incontro - fisico. 

Se da una parte la digitalizzazione dell'evento ha in qualche modo lasciato spazio alla creatività più pura e innovativa dei designer protagonisti, dall'altro ha privato l'appuntamento e la città di Parigi di quella vitalità e di quell'atmosfera elettrizzante che è il vero ingrediente di ogni Fashion Week.

Jeremy Alvarez ha fotografo in esclusiva per nss magazine questo bizzarro street style made in Paris.