Vedi tutti

Lo streetstyle di Milano ai tempi delle sfilate digitali

Una Milan Fashion Week Men's FW21 molto diversa dal solito

Lo streetstyle di Milano ai tempi delle sfilate digitali
Una Milan Fashion Week Men's FW21 molto diversa dal solito
Pin
452
Lo streetstyle di Milano ai tempi delle sfilate digitali  Una Milan Fashion Week Men's FW21 molto diversa dal solito

Gli show fisici in programma per questa Milano Fashion Week Men's FW21, iniziata venerdì 15 e che proseguirà fino a domani, si contano sulle dita di una mano. L'assenza fisica di grandi eventi a cui presenziare ha decisamente cambiato i connotati di una città che in tempi di FW - e di normalità - si anima e si popola di figure eclettiche, personalità ben vestite e all'avanguardia, da tenere d'occhio per scoprire trend futuri. 

Il formato digitale dell'evento priva la città e l'industria della moda tutta di uno degli aspetti più importanti di ogni Fashion Week, lo streetstyle. Nel corso delle ultime stagioni, infatti, il vero show si svolgeva fuori dalle venue scelte per le sfilate; influencer, trend setter, addetti ai lavori erano i veri protagonisti davanti ad un esercito di obbiettivi, in scatti subito condivisi su Instagram. Un modo unico per riconoscere le personalità più influenti della moda e un mezzo in grado di avvicinare un pubblico vastissimo ad un mondo, quello della moda, spesso arroccato nella sua torre d'avorio. I brand hanno tentato parzialmente di sopperire a questa mancanza attraverso l'attivazione di influencer chiamati a postare foto con gli abiti del marchio, ricordando ai propri follower l'appuntamento (online) della sfilata. Niente a che vedere con ciò che accadeva prima. 

Alla luce di tutto ciò, complice l'emergenza sanitaria e l'introduzione di zone di diverse gradazione di colore, Milano assume quindi un volto diverso, silenzioso, remissivo, a tratti triste. Quella vitalità che accompagnava le sfilate dei brand più importanti del calendario - molti di essi peraltro assenti quest'anno - si perde nelle immagini di Fondazione Prada deserta, nelle fotografie di corsi e piazze svuotate, abbandonate a sé stesse. 

nss magazine, attraverso gli scatti di Laurent Bentil, ha voluto ritrarre una Fashion Week diversa dal solito, una Settimana della Moda che ci auguriamo non rivedere per un po'.