Vedi tutti

Siamo entrati nell’era dello slouchy dressing?

Tra sciatto e chic il passo è breve

Siamo entrati nell’era dello slouchy dressing? Tra sciatto e chic il passo è breve
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
Jeremy Irons
Jeremy Irons
Jeremy Irons
Justin Bieber
Bernie Sanders
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Pete Davidson
Pete Davidson
Pete Davidson
Jeremy Irons
Jeremy Irons
Lady Diana
Leonardo DiCaprio
Leonardo DiCaprio
Lady Diana
Paris Hilton
Leonardo DiCaprio
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
Jonah Hill
Leonardo DiCaprio
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
Paris Hilton
Paris Hilton
Paris Hilton
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
Jonah Hill

Lady Gaga è stata la star indiscussa del lungo press tour di House of Gucci, l’attesissimo film di Ridley Scott. Eppure, nel corso dei molti red carpet che hanno accompagnato le varie premières del film un’altra co-star ha attirato l’attenzione di pubblico e stampa per i suoi outfit: Jeremy Irons. Sia alla première di Londra del film che a quella di New York, l'attore 73enne si è presentato con outfit boho-chic estremamente rilassati e casual, con dettagli come i pantaloni infilati nelle calze, uno zuccotto crochet, stivali rovinatissimi, vecchi gilet, lunghe giacche alla coreana. Nessuno di questi look è particolarmente notevole in sé eccetto per il fatto che è in aperta rottura con lo stile iper-sofisticato e artificioso delle altre co-star: se Lady Gaga ha indossato abiti da sera di Gucci, Valentino e Versace; e Jared Leto si è presentato con una serie di completi di velluto Gucci freschi di passerella, i look di Irons sembrano essere stati composti senza l’aiuto di stylist, con abiti già in possesso dell’attore – questo spiegherebbe tanto l’originale naturalezza di quei look quanto il loro aspetto trascurato e nonchlant.

Jeremy Irons
Jeremy Irons
Jeremy Irons
Jeremy Irons
Jeremy Irons

Una deliberata trascuratezza, in effetti, ha accomunato gli outfit di Irons a quelli di altre celebrity quest’anno: le più recenti sono Pete Davidson e Justin Bieber, i cui ultimi street style sono stati paragonati a quelli del notoriamente malvestito Adam Sandler; ma tra i momenti di slouchiness virali di quest’anno ci sono stati anche l’arrivo di Bernie Sanders all’inaugurazione presidenziale dello scorso gennaio e l’apparizione di Timothèe Chalamet in tuta e Converse al Met Gala di settembre - o qualunque sua passeggiata per le strade di New York. Ciò che salta all'occhio di questi outfit è il loro forte contrasto con i look studiati a tavolino con cui molte altre celebrity si presentano agli eventi. Proprio come le muffole di Bernie fatte a mano dalla maestra di scuola del Vermont, anche i pantaloni in acetato adidas di Chalamet e gli usuratissimi stivali di Irons sono il vero statement, che sembrano essere stati secondo un criterio che, tempo fa, Rick Owens riassunse con la frase: «La cosa più cool di tutte è non preoccuparsi di essere cool».

Bernie Sanders
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Timothèe Chalamet
Pete Davidson
Pete Davidson
Pete Davidson
Justin Bieber

Il motivo per cui questi outfit hanno attirato tanta attenzione andrebbe forse ricercato nella nostra moderna ossessione per lo street style e l’evoluzione di questo genere fotografico negli ultimi trent’anni. Negli anni ’90 e nei primi 2000 gli street style delle celebrità erano estremamente naturali e de-mistificanti rispetto alle immagini dei red carpet eppure anticipavano di anni le mode. Da icone dello sporty-chic come Lady D, Carolyn Bassett e suo marito John Kennedy Jr., passando per gli outfit da aeroporto dei primi 2000 fino a Paris Hilton in Juicy Couture e alle foto di Leonardo DiCaprio in tuta e stivali Ugg che fecero il giro del mondo nel 2013, c’è stata un’epoca in cui le celebrità non avevano stylist o contratti di partnership con i brand ed esprimevano uno stile più personale - correndo spesso il rischio di vestirsi parecchio male ma anche manifestando uno stile più autentico e vicino al vero. Proprio a Leonardo DiCaprio, fra l'altro, si attribuisce la paternità dello stile detto "incognito" che prende il nome proprio dai cappucci, occhiali e cappelli usati per nascondersi il volto oltre che dal tentativo di passare per anonimo passante in pantaloni della tuta e sneaker indistinte.

Lady Diana
Lady Diana
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
John F. Kennedy Jr. & Carolyn Bessette
Paris Hilton
Paris Hilton
Paris Hilton
Paris Hilton
Leonardo DiCaprio
Leonardo DiCaprio
Leonardo DiCaprio
Jonah Hill
Jonah Hill
Leonardo DiCaprio

Oggi le cose sono diverse, al punto in cui molti si sono domandati se lo status di moderna icona di cui gode, ad esempio, Zendaya sia da attribuire all’attrice stessa o al suo stylist Law Roach, mentre negli ultimi mesi Kim Kardashian e Kanye West hanno indossato esclusivamente Balenciaga come testimonial ufficiosi del brand e dunque in maniera sicuramente riuscita ma anche acritica e per fini puramente commerciali. La curation, cioè, è aumentata moltissimo sia per le strade che sul red carpet contribuendo a creare look sicuramente più elevati ma anche molto meno spontanei e naturali e dunque più aderenti a un’immagine pubblica studiata a tavolino che espressivi di una attitude e uno stile davvero personali. Per questo, di recente, queste celebrity vestite con una totale negligenza hanno affascinato il pubblico: la sciatteria di Thimotèe Chalamet, le silhouette da “sedia dei vestiti” di Justin Bieber così come i red carpet look di Jeremy Irons sembrano molto più veri dei costumi iper-studiati di Kim Kardashian, degli outfit sempre coordinati dei BTS e dei Maneskin ma anche degli street look di Bella Hadid che, per quanto sempre piacevolmente informali, contengono sempre l’ultimo pezzo hype costosissimo e introvabile messo in commercio. Qualcosa di simile è avvenuto anche sui social dove, ad esempio, a entrare nel novero dei #Grailfits di Grailed, ci sono solo look self-styled e dunque espressivi del gusto estetico di chi li indossa con una particolare attenzione al distressing dei capi, all’item vintage più inconsueto o d’archivio e, insomma, a quella dicotomia invisibile ma sempre presente fra sprezzatura e affettazione, tra culto delle pieghe e dei piccoli difetti e artificiosa cura maniacale di un total look tanto idealizzato quanto plasticoso e poco relatable. 

Nel pubblico della moda sembrerebbe stare sorgendo una nuova consapevolezza che crea una distinzione tra i look “commerciali” e quelli “sinceri” – con un maggiore apprezzamento istintivo che va a questi ultimi proprio in ragione della loro autenticità. E se in effetti si considera come l’idea di realness sia diventata il rompicapo più elusivo per i brand, con clienti che cercano la realness del design con la moda d’archivio, la realness dei prezzi con il vintage e il secondhand, la realness dell’artigianato e delle costruzioni con la mania per il DIY, il fatto a mano, il distressing, il successo virale degli slouchy look visti nel corso delle ultime settimane fa presagire una imminente ribellione del pubblico al dominio degli algoritmi social sui trend della moda e un ritorno verso una nuova sincerità.