Il 2020 sarà un anno importante per tutti gli appassionati di Willy, il principe di Bel-Air.
Sono trascorsi infatti 30 anni dalla messa in onda del primo episodio della sit-com che trasformò Will Smith in una star internazionale. Ma nonostante l’amore incondizionato dei fan, i post su Instagram di Alfonso Ribeiro (che interpretava Carlton Banks) e l’incontrollabile trend-nostalgia 90s, la triste verità è che non ci sono ancora veri e proprio piani di revival o reboot all’orizzonte. Anzi, è lo stesso Will Smith che, scherzanoal Graham Norton Show, ha fatto notare di non avere più l’età per vestire i panni dello svitato di Bel-Air:

Dovrei essere lo zio Phil a questo punto. Sto per raggiungere i 50, lo sai. Sarebbe come dire, ‘Forza zia Viv, ho 50 anni, e non posso uscire da solo?

Ma di una cosa siamo certi, nell’era del web tutto può succedere, ma soprattutto, mai sottovalutare il potere di una fan-base pluridecennale. La settimana scorsa è stato infatti caricato su YouTube un trailer di poco più di 3 minuti dal titolo Bel-Air (2019), diventato virale nel giro di pochissimi giorni. La premessa è semplice: come sarebbe oggi Willy, il principe di Bel-Air? La risposta? Un mix tra un film indie e un videoclip di Kendrick Lamar.

La storia proposta è più o meno come ce la ricordiamo: Will (Jerry Madison) è un ragazzaccio di Philadelphia cresciuto giocando a basket con gli amici, guardano film di Spike Lee e cacciandosi sempre nei guai. Il resto è storia: Will si ritroverà presto a vivere nella casa dello zio a Bel-Air, West Coast.

Nel trailer c’è tutto quello che avremmo voluto ricordare, dal succo d’arancia nei bicchieri di cristallo fino all'indimenticabile Carlton Dance. Ma qualcosa è diverso, ed è lo stesso Will a dirlo: “La mia vita non è una sit-com” – questa è la maxi-storia di come Willy, il principe di Bel-Air è cambiato. Invece di sembrare una sit-com, questa nuova versione fan-made è cupa, drammatica, assume le sembianze di un film di Ryan Coogler (Black Panther) o di Barry Jenkins (Moonlight, If Beale Street Could Talk) presentando la stessa pattern di colori di una puntata di Atlanta. Nel nuovo Bel-Air ci sono pistole, sneaker Jordan e più di un riferimento a Meek Mill.

Willy, il principe di Bel-Air potrebbe diventare un film indie  Dopo la diffusione di un trailer realizzato da un gruppo di fan della serie  | Image 0
Willy, il principe di Bel-Air potrebbe diventare un film indie  Dopo la diffusione di un trailer realizzato da un gruppo di fan della serie  | Image 1

Le parole del regista e fan sfegatato della serie 90s Morgan Cooper non lasciano dubbi:

Sono cresciuto credendo sempre che ci fosse di più dietro la storia, che ci fosse di più dietro questa sit-com. Così ho pensato 'Wow, potremmo veramente prendere questa storia e riproporla in un maniera davvero drammatica'”

E la risposta del web è stata elettrizzante: in una settimana il video ha raggiunto quasi 3 milioni di visualizzazioni, suscitando l’entusiasmo di tutti gli utenti (che hanno iniziato a taggare @netflix per trasformare l’esperimento in un film vero e proprio) fino a provocare una reazione anche di alcune star del grande e piccolo schermo.

Sfortunatamente, a detta del regista, un piano vero per trasformare questo sogno in realtà non c’è ancora.

“Quando abbiamo dato vita a questa cosa contavo molto sull'arte. Internet è internet. Non puoi mai sapere se qualcosa andrà o no" ha dichiarato in un’intervista a OkPlayer – “Sono davvero emozionato per tutto quello che sta succedendo, ma in fin dei conti io sono un regista di colore e rappresentare me stesso e la mia cultura è la cosa più importante.

Non ci resta che incrociare le dita.