nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

Summer Escape: Costiera Amalfitana Special

Tutti i segreti da scoprire

Summer Escape: Costiera Amalfitana Special Tutti i segreti da scoprire

Spiagge assolate, calette segrete, mare cristallino, profumo di limoni, panorami mozzafiato, cultura, gente calorosa e ottimo cibo sono solo alcune delle cose che rendono la Costiera Amalfitana un luogo speciale.

Questo tratto del Sud Italia che si estende per 11.321 ettari tra il Golfo di Napoli e il Golfo di Salerno, talmente bello e prezioso da essere patrimonio dell'UNESCO dal 1997, è da sempre meta preferita del turismo internazionale, buen ritiro scelto da miti del passato come Anna Magnani e Jackie Kennedy, ma anche da celebrities contemporanee come LeBron James, Jennifer Lopez, Justin Timberlake, Beyoncé e molti altri.

nss vi porta in viaggio tra uno scorcio di paradiso che tutto il mondo ci invidia. 

 

 

Positano

Questa splendida che prende il nome da Poseidone, Dio del Mare, con le sue case sono abbarbicate le une sulle altre, sembra quasi un presepe aggrappato alla roccia.

Tappa fondamentale di ogni viaggio in Costiera Amalfitana,  Positano offre stradine strette piene di boutique e negozi tra le quali passeggiare, ma anche luoghi speciali da visitare come la Chiesa Santa Maria Assunta con la sua cupola in maiolica, il Sentiero degli Dei, una celebre passeggiata panoramica e, ovviamente, le spiagge dove prendere il sole e fare un tuffo in un mare blu meraviglioso.

 

Praiano

19 chilometri a sud di Positano spunta Praiano con le sue spiagge che, nonostante le dimensioni ridotte, sono amatissime dai turisti di tutto il mondo.

La caratteristica principale del paese? L’ampiezza delle vedute, perfetta per ammirare i romantici tramonti infuocati delle sere estive.

 

Furore

Qui, dove le case si ammassano colorate le une sulle altre e Rossellini ha girato il film “L’Amore”, c’è l’unico fiordo presente in Italia. Nonostante questa insenatura stretta, scavata dal lavoro incessante del torrente Schiato, che accoglie i pescatori al ritorno dalle loro battute di pesca giornaliere, catalizzi l’attenzione dei turisti, merita una visita anche il borgo vero e proprio, raggiungibile tramite ripidi sentieri che dalla costa risalgono verso l’interno.

 

Conca dei Marini

Dalla Torre Saracena al giardino di limoni della Chiesa di Sant’Antonio, fino alla spiaggia,alla quale si arriva scendendo 300 scalini, sono diverse le meraviglie che hanno reso Conca dei Marini amata e frequentata in passato anche dalla principessa Margaret d’Inghilterra e da Jacqueline Kennedy Onassis.

Il luogo più incantevole e famoso del paese è, però e senza alcun dubbio, la Grotta dello Smeraldo, un anfratto marino che deve il suo nome alle tonalità che assume l’acqua quando la luce solare si riflettono sul fondale (dove è allestito un presepe subacqueo) e sulle pareti rocciose. 

 

Amalfi

In questo borgo arroccato su una roccia a strapiombo sul mare, tra in monti Civita e Aureo, si possono ammirare la Collegiata di Santa Maria Maddalena, la Grotta di Masaniello e la Grotta dei Santi, che all’interno nasconde degli affreschi in stile bizantino. 

 

Ravello

È una delle destinazioni della Costiera Amalfitana più note dagli amanti dell’arte, grazie a Villa Rufolo  e Villa Cimbrone.

La prima è un antico edificio moresco dalle meravigliose terrazze fiorite a picco sul mare; mentre la seconda è un’antica dimora nobiliare trasformata in museo, con un elegante parco secolare di 6 ettari che offre il “Belvedere dell’Infinito”, una terrazza panoramica delineata da una serie di busti marmorei da cui si gode un panorama mozzafiato.

Ravello, conosciuta anche come la città della musica, è la sede di un popolare Festival internazionale e di un bellissimo Auditorium. 

 

Minori

Le sue principali attrazioni? La Villa Marittima Romana con i numerosi affreschi e mosaici, la Basilica di Santa Trofimena, interessante esempio di architettura sacra del secolo XVIII.

 

Cetara

Questo piccolo comune di pescatori (in latino il suo nome significa tonnara) non è conosciuto solo per le acque cristalline o l’imponente Torre saracena, edificata per ostacolare gli attacchi dei Turchi, ma, soprattutto, per la famosa “colatura di alici”, un condimento ottenuto dalla fermentazione di alici fatte marinare in piccole botti di castagno o rovere.

 

Vietri sul Mare

Vietri sul Mare è un bel borgo antico sospeso sul Tirreno, con un centro storico pieno di botteghe di ceramiche artigianali, una chiesa con la cupola in maiolica colorata e due spuntoni di roccia in mezzo al mare come simbolo della città.

Su questi scogli, conosciuti come i “Due Fratelli”, si narrano diverse leggende. La più romantica? Due giovani pastori, muoiono tra le onde, durante una tempesta, per salvare una misteriosa fanciulla. La ragazza che in realtà è la figlia di Poseidone, dio del mare, commossa dal coraggio e dalla generosità dei due uomini decide di trasformarne i resti nei due scogli.

 

What to do

 

Walking

Chi ama camminare non può perdersi il “Sentiero degli Dei”, un ambiente sospeso tra guglie, profonde gole, dirupi e precipizi.

Si tratta di un percorso escursionistico lungo circa 10 km che si snoda a 500-600 metri sul livello del mare da Bomerano frazione di Agerola, fino a Nocelle frazione di Positano, abbarbicata alle pendici del Monte Pertuso.

Il suo nome? Fa riferimento ad una delle sky-line più suggestive e famose al mondo, ma anche ad una leggenda secondo la quale è la strada percorsa dalle divinità greche per salvare Ulisse dalle sirene dell’isola de Li Galli.

 

Take a boat tour

Con i suoi 50 chilometri di costa, l’ideale per godere appieno questo tratto d’Italia è fare un giro in barca, riuscendo a scoprire così le spiagge e gli anfratti più suggestivi e tuffandosi nel meraviglioso mare blu della zona.

 

Amalfi Lemon Tour

"Terra dei limoni", è così che Goethe chiamava la Costiera Amalfitana, una definizione perfetta dal momento che questo agrume è il re indiscusso della zona. 

Allora perché non fare il tour dei limoni? Si tratta di una passeggiata culturale attraverso un percorso fatto di terrazzamenti, compresa una tappa presso un museo di antichi attrezzi da lavoro, dove si può gustare una limonata fatta con il tipico “sfusato” amalfitano.

 

Admire the view

È la cosa più ovvia e semplice da fare: fermarsi e godere del meraviglioso panorama che regala la Costiera Amalfitana.

Gli spot che rivelano scorci memorabili sono moltissimi, come, ad esempio, la parte più alta di Praiano.

 

Eat

Se decidete di visitare la Costiera Amalfitana, preparativi a grandi scorpacciate di cibo: primi piatti, secondi, dessert…qui tutto è divino. 

La pietanza fondamentale da assaggiare? Ovviamente la pizza, ma anche le sfogliatelle ripiena di ricotta e gocce di cioccolato o quelle “Santa Rosa” con crema pasticciera e amarene candite, le melanzane al cioccolato, le alici, la frittura di pesce, scialatielli ai frutti di mare, limoncello,…

 

Best Beaches

La Spiaggia di Sovrano, anche conosciuta come lo “Sgarrupo”, è un piccolo paradiso raggiungibile soltanto via mare da Maiori: ciottoli bianchi, verde della natura selvaggia circostante, acque cristalline e tranquillità.

 

Duoglio

È una delle spiagge di ciottoli più caratteristiche e dista circa 1 km da Amalfi. Per raggiungere questo tratto di mare limpido bisogna però prima compiere un piccolo sacrificio: scendere quattrocento scalini. 

Duoglio è la scelta perfetta per gli sport d’acqua come le immersioni, il windsurf o la canoa.

 

La spiaggia di Erchie

La spiaggia di questo piccolo borgo di pescatori è lunga è sabbiosa e s’insinua tra due promontori, ognuno con una torre in cima: la Torre Cerniola e la Torre del Tummolo.

 

La spiaggia del Cavallo Morto

La spiaggia del Cavallo Morto, raggiungibile solo via mare, è una spiaggia di sabbia bianca incastonata in una ripida scogliera a picco sul mare cristallino, con un fondale perfetto per chi ama praticare snorkeling. Per raggiungere la spiaggia è necessaria una barca.

 

Marina Grande di Positano

Questa spiaggia offre circa 300 metri di sabbia scura e di ciottoli, ricchi di stabilimenti balneari e ristoranti.

Meta spesso frequentata da celebrities italiane ed internazionali, è sempre affollata.

 

Isola Li Galli

Quest’isola dalla forma di un delfino si trova al largo della costa di Positano ed è uno dei tesori più selvaggi della costiera amalfitana raggiungibile solo in barca. Nelle sue acque è possibile nuotare con pesci di diverse specie.

Si racconta che qui Ulisse e i suoi marinai dovettero affrontare la terribile tentazione delle sirene.

 

Bloggers Tips

- Andate a Positano? Amate la moda? Allora, dovete assolutamente entrare nei tanti negozietti che vendono abitini in pizzo San Gallo e acquistare un paio di "sandali positano", le scarpe preferite di Jaqueline Kennedy.

- Sempre a Positano regalatevi una sontuosa cena da Zass, il ristorante stellato Michelin dello chef belga Alois Vanlangenaeker. Questo gioiello della ristorazione si trova su una delle terrazze a strapiombo sul mare dell’hotel Il San Pietro, uno dei più suggestivi di tutta la costiera.

 

- A Minori fermatevi per una dolce pausa da Sal de Riso, il più famoso pasticcere del Sud Italia, e godetevi una delle sue specialità come il Profitteroles al limone di Amalfi, la Caprese al limone, la torta ricotta e pere o il tiramisù al limone.

 

Fun Facts

 

- A Furore, dove si trova l’unico fiordo presente in Italia, nel mese di settembre si svolge il MarMeeting, la Coppa del mondo di tuffi da grandi altezze.

 

- Ogni anno, ad agosto la Sagra della Sfogliatella anima Conca dei Marini.

 

- Villa Rufolo  e Villa Cimbrone a Ravello sono entrambe location del film “Wonder Woman” con Gal Gadot.

 

- Atrani con la sua estensione di appena 0,12 kmq è il più piccolo comune di Italia.

 

- Conca dei Marini è piena di leggende popolari che narrano che nel paese, nel XVI secolo, vi fossero le streghe (dette "ianare") che si incontravano la notte in un campo di ulivi per i loro riti magici e per preparare pozioni d'amore o contro il malocchio.

Per ricordare queste storie il sabato che precede il martedì grasso, il paese celebra ogni anno il Carnevale delle “ianare”.