I rumors sono confermati: Carlyle Group è il nuovo business partner di Supreme.

Nel mese di luglio il fondo di investimento ha rilevato il 50% del marchio per 500 milioni di dollari, portando così il brand newyorchese a essere valutato un miliardo di dollari, cifra pari a circa 10 volte l’EBITDA - indice economico utilizzato per comparare i risultati di diverse aziende che operano in uno stesso settore - previsto per il 2017.

"Siamo un marchio in crescita",

ha dichiarato James Jebbia, fondatore di Supreme a Business of Fashion,

"e per sostenerla abbiamo deciso di lavorare con Carlyle, che ha l’expertise necessaria per consentirci di mantenere il percorso intrapreso a partire dal 1994.
Collaborare con Carlyle Group ci permetterà di concentrarci su quello che sappiamo fare meglio e di continuare ad avere il controllo del nostro brand".

Le quotazioni dell’amatissima label sono cresciute anche grazie alle fortunate collaborazioni con Louis Vuitton, Comme des Garçons e Stone Island che hanno contribuito non solo ad aumentarne la notorietà ma hanno portato anche a un diverso sviluppo eocnomico che ha raggiunto il suo apice con l'acquisizione parziale da parte del Carlyle Group.