Vedi tutti

Un weekend di freshness senza fine all’Hard Summer di San Bernardino

La notte californiana in fiamme

Un weekend di freshness senza fine all’Hard Summer di San Bernardino
La notte californiana in fiamme
Pin
3408
Un weekend di freshness senza fine all’Hard Summer di San Bernardino La notte californiana in fiamme

Unire senza soluzione di continuità più generi musicali in un unico festival musicale non è un'impresa da poco, e curare la scaletta perfetta è ancora più impegnativo. Tuttavia, l'Hard Summer è riuscito abilmente e con successo a spuntare più caselle nel giro di soli giorni. San Bernardino, in California, appena fuori Los Angeles, è stata la città che ha ospitato il festival. Con le montagne in lontananza, l'estate al culmine del caldo e le installazioni del festival che intrattenevano tutti, il popolo dell'Hard Summer ha concluso il luglio con il botto, entrando in agosto, quando l'estate volge al termine.

Per sbaglio sono arrivato al festival con due ore di anticipo, senza prestare attenzione al fatto che non c'era musica che uscisse dagli altoparlanti immacolati. Così, piuttosto che andarmene e tornare, mi sono fatto strada all'interno del festival con il mio pazientissimo amico al seguito. Dopo aver notato che eravamo i primi ad arrivare, abbiamo deciso di sederci accanto alla piscina dello Skydeck fino a quando non avremmo sentito i primi bassi. Dato che di solito sono il tipo che arriva quando le cose sono in pieno svolgimento, la mia tempestività eccessiva si è rivelata un'esperienza unica mentre guardavo il parco del festival riempirsi dei più gaudenti animali da party di questo lato della California, pronti a vedere i loro artisti preferiti esibirsi e a scoprirne di nuovi.

Gli Honeyluv, originari dell'Ohio, hanno occupato la Pink Tent, riempita da una folla inebriata dai ritmi entusiasmanti del sound system. Riempire una tenda all'inizio di un festival di solito non è il compito più semplice per gli artisti che aprono la maggior parte dei festival, ma quando la musica è così magistralmente miscelata come quella di Honeyluv, la folla non può fare a meno di seguirli. Il tendone chiuso, disseminato di palle specchiate da disco, ha offerto ai partecipanti un ritmo house ininterrotto e ruggente, con i DJ che si alternavano armoniosamente e senza intervalli di silenzio, facendo girare le hit back-to-back fino alla fine del festival.

TOKiMONSTA, un vero e proprio beniamino del festival, ha arricchito la giornata di tutti sul Purple Stage con un set entusiasmante, che emanava un'energia contagiosa e felice, del tutto in linea con il vibe soleggiato della California. Il suo set consisteva in un mix di bangers ad alta energia e di altri ritmi più contemplativi. Little Miss Festival Princess sarebbe un termine appropriato per descrivere questa artista nominata ai Grammy.

Si potrebbe dire di essersi goduti un festival senza perdersi camminando con incrollabile fiducia nella direzione sbagliata per 20 minuti? Durante il mio (lungo) periodo di confusione, ho perso l'opportunità di incrociare correttamente Doechii (mi scuso sinceramente con lei e con il suo team), tuttavia ho avuto il piacere di vederla esibirsi con una serie di canzoni sul Purple Stage facendo cantare il suo esercito di fan (ero in anticipo di circa 5 minuti sul suo set, per informazione di tutti). Le sue canzoni combinano flussi di rap fluidi e potenti abbinati a una produzione stratificata con sottofondi di ritmi hip-hop/house unici. Hit come Spookie Coochie e Crazy(il suo ultimo singolo) hanno dato a tutti l'opportunità di fare twerk, two step e fist pump, mentre Doechii, con tutta la presenza scenica di una performer ben collaudata, ci ha condotto verso la notte cavalcando l'onda. 

Sull'Hard Stage, l'headliner Lil Uzi, nel giorno del suo compleanno e naturalmente vestito in Balenciaga, ha eseguito una lunga serie delle sue hit più famose insieme a quelli tratti dal suo nuovo EP "Black and Red", che sembrano molto fedeli al suo stile in continua evoluzione che conosciamo e amiamo. Il suo brano F.F. (Final Fantasy) emana un'energia ultraterrena, simile a quella di una saga, abilmente e concisamente racchiusa in una canzone di 3 minuti. Un brano del calibro di quello che potrebbe star bene nella colonna sonora di un film, in particolare nella scena più clou, per evocare le emozioni più viscerali. I suoi fan, notoriamente veloci nell'imparare i suoi testi, hanno applaudito ad ogni nuova canzone eseguita. Nel corso del suo concerto sono apparsi barlumi del Lil Uzi del 2015-2017 (è possibile che la nostalgia esista così presto?) e mi sono tornati in mente i flashback del Lil Uzi che correva spavaldamente attraverso il parcoconcerti, con centinaia di fan che correvano direttamente dietro di lui, afferrandolo per il colletto della camicia. Uno spettacolo che nessuno dimenticherà presto.