Vedi tutti

Oscar 2021: i migliori e i peggiori look

Da Zendaya in Valentino fino a Daniel Kaluuya in Bottega Veneta

Oscar 2021: i migliori e i peggiori look  Da Zendaya in Valentino fino a Daniel Kaluuya in Bottega Veneta
Leslie Odom Jr. in Brioni
Celeste Waite in Gucci
Nicolette Robinson in Zuhair Murad
Carey Mulligan in Valentino
Valerie Chung in Simone Rocha
Ariana DeBose in Versace Couture
Youn Yuh-jung in Marmar Halim
Angela Bassett in Alberta Ferretti
Marlee Matlin in Vivienne Westwood
Amanda Seyfried in Armani
Reese Witherspoon in Dior
Laura Dern in Oscar de la Renta
Chloe Zhao in Hermes
Glenn Close in Armani Privè
Margot Robbie in Chanel
Diane Warren in Valentino
Olivia Colman in Dior
Halle Berry in Dolce & Gabbana
Emerald Fennell in Gucci
H.E.R. in Dundas
Martin Desmond Roe & Travon Free
Colman Domingo in Versace
Sasha Baron Cohen in Ralph Lauren
Riz Ahmed in Prada
Lakeith Stanfield in Saint Laurent
Alan S. Kim in Thom Browne
Daniel Kaluuya in Bottega Veneta
Steven Yeun in Gucci
Viola Davis in Alexander McQueen
Mariqueen Maandig Reznor & Trent Reznor in Saint Laurent
Tiara Thomas in Jovana Louis
Regina King in Louis Vuitton
Maria Bakalova in Louis Vuitton
Laura Pausini in Valentino
Zendaya in Valentino
Andra Day in Vera Wang

È stata una cerimonia importante perché ha rappresentato il ritorno sul red carpet fisico dopo il lockdown e anche se non è stata proprio perfetta per il cambio di schedule nell’annuncio dei vincitori che ha creato un finale decisamente poco soddisfacente. Le vittorie sono state comunque notevoli: Chloe Zhao e Frances McDormand hanno vinto rispettivamente Miglior Regia, Miglior Film e Migliore Attrice Protagonista con lo stupendo Nomadland; Anthony Hopkins è diventato l'attore più anziano mai premiato per The Father insieme a Daniel Kaluuya che ha vinto Miglior Attore Non Protagonista; la 73-enne Youn Yuh-jung si è portata a casa Miglior Attrice Non Protagonista per Minari mentre il thriller Una donna promettente e sempre The Father hanno vinto come migliori sceneggiature.
La sfilata di look sul red carpet è stata una parte essenziale della serata e - quasi a sorpresa - gli ospiti maschili hanno avuto outfit tanto interessanti e audaci che quelli femminili.
Non sono comunque mancati dei passi falsi (alcuni molto notevoli) e per questo abbiamo deciso di elencare i migliori e i peggiori look della serata, divisi fra uomini e donne.

 

Migliori look uomo

Lakeith Stanfield in Saint Laurent
Daniel Kaluuya in Bottega Veneta
Riz Ahmed in Prada
Sasha Baron Cohen in Ralph Lauren
Steven Yeun in Gucci
Alan S. Kim in Thom Browne

I migliori look maschili della serata sono stati molti: unico vero king su tutti è stato Lakeith Stanfield in un custom Saint Laurent semplicemente devastante; seguito da Daniel Kaluuya in Bottega Veneta e da Riz Ahmed in Prada. Più classici Sasha Baron Cohen e Steve Yeun, rispettivamente in Ralph Lauren e Gucci mentre menzione speciale va al giovanissimo Alan S. Kim, uno dei protagonisti di Minari, che a 7 anni si presenta in Thom Browne e sbaraglia tutti.

Peggiori look uomo

Martin Desmond Roe & Travon Free
Leslie Odom Jr. in Brioni
Colman Domingo in Versace

Gli outfit maschili così e così della serata sono stati vari. Martin Desmond Roe e Travon Free, vincitori per lo spettacolare cortometraggio Two Distant Strangers, erano invece un assoluto disastro con quei completi gialli e neri di tessuto damascato che facevano tanto Gomorra mentre Leslie Odom Jr. in Brioni ha indossato un completo dorato e un completo dorato è sempre di pessimo gusto. Duole invece bocciare Colman Domingo, il cui completo di Versace non sarebbe bruttissimo in sé, se non fosse per qualche errore piccolo ma cruciale: nominalmente il taglio troppo aderente della giacca che lo fa sembrare un po’ strizzato e le scarpe di vernice nera che cozzano decisamente con il rosa shocking del resto.

Migliori look donna

Zendaya in Valentino
Carey Mulligan in Valentino
Laura Pausini in Valentino
Amanda Seyfried in Armani
Regina King in Louis Vuitton
Viola Davis in Alexander McQueen
H.E.R. in Dundas
Emerald Fennell in Gucci
Halle Berry in Dolce & Gabbana
Celeste Waite in Gucci
Nicolette Robinson in Zuhair Murad
Valerie Chung in Simone Rocha
Ariana DeBose in Versace Couture
Youn Yuh-jung in Marmar Halim
Angela Bassett in Alberta Ferretti
Marlee Matlin in Vivienne Westwood
Maria Bakalova in Louis Vuitton
Tiara Thomas in Jovana Louis
Mariqueen Maandig Reznor & Trent Reznor in Saint Laurent

La categoria più carica di oggi: Carey Mulligan, Zendaya e Laura Pausini erano semplicemente perfette in Valentino; meno convenzionali ma interessanti Celeste Waite ed Emerald Fennel in Gucci. Louis Vuitton ha anche segnato punti con Regina King e Maria Bakalova mentre più classiche sono state Viola Davis, Angela Bassett e Halle Berry. Splendide Ariana DeBose in Versace e Marlee Matlin in Vivienne Westwood come anche Tiara Thomas in Jovana Louis. Valerie Chung e Youn Yuh-jung hanno seguito un’ispirazione classy but safe ma hanno fatto una magnifica figura mentre il premio del cuore va in pareggio sia a Mariqueen Maandig Reznor che si è presentata in un Saint Laurent glam-vampiresco insieme al marito, il leggendario Trent Reznor dei Nine Inch Nails che a H.E.R. stupenda in un Dundas blu.

Peggiori look donna

Margot Robbie in Chanel
Andra Day in Vera Wang
Laura Dern in Oscar de la Renta
Glenn Close in Armani Privè
Chloe Zhao in Hermes
Olivia Colman in Dior
Diane Warren in Valentino
Reese Witherspoon in Dior

Non sempre un look funziona. Nel caso dei look femminili, l’errore sta sempre nel non centrare il mood red carpet e sembrare fuori luogo: è il caso di Margot Robbie, vestita per l’ennesima volta da uno Chanel che non le fa giustizia e rievoca con il mood fiorato una sagra di campagna; è il caso di Andra Day in Vera Wang, magnifica in sé ma un po’ troppo estetica nightclub per gli Oscar. La titanica regista Chloe Zhao invece sceglie Hermès ma tra trecce, il beige slavato del completo e le sneaker basse sono decisamente scialbe. Diane Warren invece toppa con un completo di Valentino bianco abbinato a un top argentato che rievoca certe signore di mezza età nelle prime comunioni nel Sud Italia accompagnata da un altro “outfit della zia” di Olivia Colman che sembra uscita dagli anni ’60 e non in senso buono. Fanalino di cosa per Reese Witherspoon che si veste anche lei di Dior ma riesce a far sbadigliare.