Vedi tutti

Com'è cambiata la moda tedesca a 30 anni dalla caduta del Muro?

Sostenibilità e Politica in collaborazione

Com'è cambiata la moda tedesca a 30 anni dalla caduta del Muro? Sostenibilità e Politica in collaborazione

La Mercedes-Benz Fashion Week di questo autunno inverno 20/21 ha segnato il trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino. 
Un settore in così rapida evoluzione, le cui tendenze muoiono quasi non appena sono state generate, in cui i modelli vengono scaricati dopo un paio di stagioni e le idee vengono giudicate in base a parametri che vengono cambiati sempre più spesso. La relazione tra storia, politica e moda scorrono attraverso la matrice della Mercedes-Benz Fashion Week.

Il primo designer a mostrare la sua collezione alla MBFW è stato: William Fan, che ha reso omaggio alla Berlino che ama e conosce, tenendo lo show nella Torre della televisione. Da qui gli ospiti potevano vedere il paesaggio urbano in tutta la sua cupa maestosità d’inverno. E qui viene da pensare: Quali sarebbero stati i pensieri di un turista della Germania dell'Est mentre guardava fuori dalla torre? Puoi vedere tutto lì; Est, Ovest, Nord e Sud: l'equivalente pre-riunificazione di Google Maps.

C'era molta nostalgia, o meglio "ostalgia" - un termine usato in Germania per descrivere la nostalgia dell'ex Repubblica Democratica. La collezione di Fan fa riferimento al logo traslucido dell'ufficio turistico multicolore, aveva minuscole Torri TV ricamate su abiti scuri, come piccoli punti esclamativi sospesi nello spazio, e riporta schemi così obsoleti da sembrare freschi.

La seconda sfilata si è tenuta a Tempelhof. Un ex-aeroporto nel cuore di Berlino, costruito negli anni 20. Ad oggi rimane una distesa vuota di tutta l'attività umana, lasciata a ricordare le grandi conquiste architettoniche tedesche. L’ex aeroporto di Tempelhof, quest’anno’ è stato sfruttato appieno dall'esibizione eco-consapevole di Neonyt quest'anno. Una fashion hub berlinese che ha come come missione e tema portante il riciclo.
Il materiale usato è quello asraw di bottiglie in PET Ocean / dichiarazione trovata su alcuni stand, che faceva luce sulla crisi dell'inquinamento. La sfilata fa luce a due tipi di inquinamento: le fibre di tessuti sintetici vengono introdotte nell'approvvigionamento idrico ogni volta che passano attraverso una lavatrice, un pericolo nascosto sottostimato. E realizzare un abito in plastica riciclata risolve un problema e ne crea un altro. La regressione è ciò di cui l'industria della moda ha veramente bisogno se vuole ridurre la sua impronta di carbonio. Regressione a un tempo in cui le calze erano rovinate e gli abiti venivano creati per durare nel tempo.

Il settore della moda rappresenta il 10% delle emissioni globali, che è più che inquinante del trasporto aereo, quindi se prendiamo sul serio la riduzione delle emissioni, e l'industria della moda deve fare i conti con questi problemi.
Il modo migliore per ridurre le emissioni è smettere di consumare, ma come può un marchio di moda promuovere una riduzione dei consumi senza influire sulle vendite? È un paradosso di cui parleremo ancora tra molti anni a venire. Quando, politicamente, il mondo occidentale si sta approssimativamente dividendo in due campi, locali e internazionali, l'industria della moda sente la pressione di entrambe le parti. Da un lato viene tirata giù per la via del risveglio, internazionalista (vedi British Vogue) e, d'altro canto, il fast fashion, con le sue catene di approvvigionamento mondiali e i mercati internazionali, sta subendo sempre più critiche, e ciò apre la strada a una cultura della moda artigianale, di origine locale, che valorizza le piccole filiere e i materiali nativi.

Lena Hoschek sembra avvicinarsi al compromesso di soostenibilità e artiginalità con la sua nuova collezione. "Artisan Partisan".La collezione è un incontro di ex imper: l'austriaco e il persiano. C'erano stampe arabesche, sete pakistane di Ikat e stampe moldave di Kilim drappeggiate sulla sagoma senza tempo di Hoschek. La designer ha riunito stampe e tessuti esotici da ogni parte del mondo, con particolare attenzione alle tradizionali location della Via della Seta.  

Locale alle tradizioni di varie culture da cui prese in prestito e locale nella sua produzione: Austria. Lo spettacolo di Hoschek si è svolto in una centrale elettrica in disuso chiamata Kraftwerk - non lontana da dove si trovava il Muro. Quest'anno è stata la sede principale e ha ospitato grandi spettacoli con collezioni di Kilian Kerner, Irene Luft, Odeeh e Rebekka Ruetz. Era un luogo per eccellenza a Berlino: grande e industriale. Le vecchie fabbriche in disuso e le centrali elettriche sono un chiaro segno distintivo per la città di Berlino: l’ossessione è iniziata poco dopo la caduta del Muro, quando condomini, fabbriche e centrali elettriche sono state rapidamente liberate e trasformate in sedi di una sottocultura fiorente che aveva bisogno di spazio per trovare espressione. In questi giorni il fascino di Berlino sta diventando una risorsa commerciabile e i pr di moda, questa stagione, hanno sapientemente utilizzato gli spazi grezzi intorno alla città.

 Forse il miglior esempio di riutilizzo di aree ‘storiche’ è stato lo spettacolo di Marina Hoermanseder, che si è tenuto a Neuzeit Ost, un vecchio magazzino di Berlino est.
Dall'arredamento kitsch della Torre della TV ai pilastri di cemento armato frastagliato del Kraftwerk, abbiamo visto una Berlino con un'estetica molto decisa, modellata dai drammatici cambiamenti socio-politici dell'era moderna. L'attenzione alla sostenibilità di quest'anno turba le coscienze e informa le menti su drammi socio-politici.

Photos by Harry Leath