Vedi tutti

Alberto Panocchi e Joelle Pomioli presentano APJP

Nasce alla MDW 2019 il nuovo progetto artistico di custom e riutilizzo di vecchi vestiti

Alberto Panocchi e Joelle Pomioli presentano APJP
Nasce alla MDW 2019 il nuovo progetto artistico di custom e riutilizzo di vecchi vestiti
Alberto Panocchi e Joelle Pomioli presentano APJP Nasce alla MDW 2019 il nuovo progetto artistico di custom e riutilizzo di vecchi vestiti

Nasce ufficialmente alla Milano Design Week 2019 il progetto artistico APJP, di Alberto Panocchi e Joelle Pomioli, l'ispirazione nasce però da una situazione che accomuna tutti quelli che, aprendo l'armadio, si trovano a guardare un vuoto di risorse e idee. 

"Tutto nasce dal mio pantalone preferito che si e’ rovinato dopo un lavaggio in lavatrice. Joelle ha avuto la brillante idea di farci un artwork in candeggina e il risultato è stato pazzesco. Da lì sono nate le basi dell'idea e del progetto APJP, ovvero ridare vita ad un pant, o un capo in generale, che avesse già fatto il suo normale corso di "first hand" 

Alberto e Joelle hanno presentato il loro personalissimo progetto venerdi 12 aprile, nel pieno dell'euforia della MDW, attraverso una performance di live painting molto intima, nella quale hanno customizzato Levi's bianchi con rulli e dosatori. Una manifestazione artistica spontanea e naturale, che si fa forza grazie all'involontarietà dei segni di colore e alla gestualità.

"Il nostro laboratorio è il corridoio di casa, nel quale tutt'ora coloriamo i pantaloni. Stiamo sperimentando anche con la candeggina, ispirandoci alle tecniche di Tie-Dye, ma per quello ci spostiamo in bagno. Abbiamo poi sviluppato insieme alcuni lavaggi e tinteggi che dessero un carattere e un'anima al nostro progetto. La nostra identità, ora, sta soprattutto nel dare una seconda vita ai capi e utilizzare prodotti e materie di riuso, così da poter risparmiare nuove produzioni e di conseguenza ridurre l'inquinamento derivante dal fast fashion."

All'evento in Corso Garibaldi 121, allo spazio di Gingarby, APJP ha raccolto l'entusiasmo di molti amici presenti, tra buona musica e gin marchigiano. Noi c'eravamo, dai un'occhiata al reportage.