Guardando al 2018 non sorprende che le prime pagine dei giornali siano state invase dalla notizia del matrimonio dei Ferragnez, dall'acquisto di Versace da parte di Michael Kors per $2 miliardi, e dalle controversie tra Dolce & Gabbana e la Cina. Abbiamo pensato che il modo migliore per lasciarci tutto questo alle spalle fosse stilare una lista dei migliori artisti emergenti che quest'anno sfonderanno definitivamente. Dato che scovare nuovi talenti è sempre un'impresa difficile, ci abbiamo pensato noi: ecco la lista dei creativi italiani da tenere d'occhio nel 2019

 

Toni Brugnoli

Non vorreste anche voi un amico che fotografa tutte le vostre avventure notturne? Passate una notte insieme al fotografo milanese Toni Brugnoli e potreste trovare una vostra foto nella prossima mostra personale di Toni, dopo COUNTING BREAD di qualche settimana fa allo Spazio Futura. In passato collaboratore di NikeNapapijri, il 2019 si prospetta come un anno molto importante per Brugnoli, soprattutto dopo il successo della sua personale. Non lasciatevi impressionare dalla natura esplicita della sue fotografie - sotto sotto vorremmo tutti passare i nostri weekend circondati da mazzette di soldi, facendo graffiti sui muri dei bar della città, mangiando pizza e facendoci tatuaggi di cui poi ci pentiremo. 

Visualizza questo post su Instagram

W INTER IS COMING

Un post condiviso da 1908 CREW (@toni_brugnoli) in data:

 

 

Vegas Jones

Il ventiquattrenne Matteo Privitera, conosciuto come Vegas Jones, è la risposta italiana alla trap internazionale. Con oltre 1.3 milioni di ascolti mensili su Spotify e 79 milioni di views su YouTube, la carriera di Jones sembra partire con i migliori auspici. Il suo nome d'arte rende omaggio a due icone della cultura pop: il personaggio di Vincent Vega del classico Pulp Fiction e la leggenda della musica Nasir Jones. A differenza del contenuto dei suoi testi, Jones ha un messaggio per tutti i suoi ascoltatori: "Se pensate di potercela fare, nessuno può dirvi il contrario." Se vi è piaciuto il suo singolo Malibu, che al momento conta oltre 36 milioni di visualizzazioni su YouTube, vi consigliamo di ascoltare anche il suo nuovo brano, 1000 Domande

 

Jacopo De Carli

Vi siete mai chiesti come fanno gli influencer ad avere sempre colorway customizzate delle ultime Off-White o come fanno quelle Red October del 2014 a sembrare nuove di zecca? Jacopo De Carli, shoe customizer e restorer, è la risposta alle vostre domande. Nel 2015 lo sneakerhead De Carli si rese conto che nel mercato vi era una grave mancanza: "Mi sono accorto che non c'era nessuno che restaurava le scarpe", ha raccontato in un'intervista a nss qualche mese fa. Il suo primo successo in questo campo è stato il 'DCJ Sneakers Cleaner’, un prodotto per la pulizia delle scarpe diventato un must-have per tutta la comunità streetstyle italiana. Tuttavia è stato il 2018 l'anno più esplosivo per l'artista, soprattutto dopo che un paio delle sue Off-White customizzate - come tutti i suoi custom insieme a Vgoghi - è apparso sul profilo ufficiale del marchio. Con una serie di collaborazioni e progetti pronti per il 2019, gli sneakerhead di tutto il mondo possono aspettarsi grandi cose nei prossimi mesi. 

Visualizza questo post su Instagram

Thanks to @acriminalg

Un post condiviso da Jacopo De Carli (@jacopodecarli) in data:

 

Peeta

L'artista di graffiti veneziano Manuel Di Rita, conosciuto con il nome di Peeta, mette a tacere tutte le controversie e le polemiche attorno alla street art dando vita a murales meravigliosi apprezzati da un pubblico trasversale. Decorando paesaggi urbani in giro per il mondo, l'obiettivo di Peeta è "creare un dialogo tra i parametri strutturali e culturali del contesto circostante." La sua estetica si concentra soprattutto sull'aspetto scultoreo di singole lettere, descrivendo il tutto come "una temporanea interruzione della normalità". In seguito al suo enorme successo, Peeta è passato a linguaggi artistici più convenzionali, traducendoli in sculture e dipinti. Le sue opere si possono trovare per le strade di Spagna, Indonesia, Cina, Polonia, Olanda, e in tutta Italia. 

 

Serena Caponera

Sembra quasi impossibile che la tattoo artist Serena Caponera abbia una formazione scientifica. Cresciuta con una passione smisurata per l'arte, Serena ha deciso di seguire i suoi sogni esprimendo sé stessa attraverso l'arte dei tatuaggi. Ispirandosi ad artisti come Marinetti e Depero, così come a poster futuristici vintage, la corrente artistica più evidente nella sua creazioni è però l'Art Nouveau. Come dichiarato in un'intervista, Caponera segue due regole fondamentali: "Voglio che il mio stile sia sempre riconoscibile e soprattutto che non sia mai banale." Serena si è assicurata un posto come guest artisti da Bang Bang NYC, in pratica un passaggio obbligato per ogni tattoo artist. La potete trovare nel suo studio privato Scrimshaw Tattoo a Roma. 

 

Luca Magliano

Luca Magliano e il suo brand omonimo, secondo le sue stesse parole intrinsecamente italiano, può già vantare un pubblico di fedeli appassionati. Magliano è stato il vincitore della nona edizione di WHO IS ON NEXT? UOMO, il progetto di scouting di Pitti volto a trovare nuovi talenti nella moda maschile. I giudici del concorso descrivono l'estetica di Magliano come "assolutamente contemporanea, un mix di dettagli genderless e ispirazioni militari, arricchiti da un tocco ironico." La sua ultima collezione, di cui vi avevamo parlato qui, si è dimostrata un grande successo. Per la prima volta, inoltre, Magliano ha fatto il suo debutto con la collezione FW 2019-2020 durante la Men’s Fashion Week.