Chiamatelo Boss. DrefGold, all'anagrafe Elia Specolizzi, a solo 21 anni è il primo artista messo sotto contratto dall'etichetta fondata da Sfera Ebbasta e Charlie Charles, la Billion Headz Music Group, e qualche settimana fa è uscito il suo primo album, Kanagliache ha riscosso fin da subito un grande successo. A partire dal 13 ottobre l'artista sarà impegnato nel Kanaglia Tour che lo vedrà protagonista nei principali club della penisola italiana per tutta la stagione invernale.

DrefGold è stato scelto da adidas Originals e Foot Locker per lanciare il Blocked Legend Pack. Negli scatti della campagna, il giovane artista è ritratto con pantaloni e felpe decorati dagli elementi distintivi del brand tedesco, dalle Three Stripes al logo a Trifoglio, nei toni del bianco e del nero con qualche dettaglio in rosso. Dref indossa poi la nuova adidas Originals Yung 96. La sneaker è la rivisitazione contemporanea di una silhouette classica: tomaia in rete resistente, inserti in pelle, e sistema Torsion™ bar. La nuova tecnologia incontra l'heritage di adidas Originals. 

Noi di nss magazine abbiamo incontrato DrefGold e ne abbiamo approfittato per fargli qualche domanda. Ecco che cosa ci ha raccontato. 

 

#1 Kanaglia è il tuo primo album sotto una giovane etichetta, come è nata questa fiducia verso BHMG e cosa si prova ad essere il loro primo artista in assoluto? 

La fiducia verso BHMG è nata dal momento in cui ho conosciuto Sfera e Charlie di persona. Ho capito un po' quale era il loro progetto, che volevano accrescere qualcosa grazie alle loro forza comunicativa, avendo comunque già un buon prodotto in mano. Sai com’è, io ho sempre visto Charlie e Sfera dai video, facevano tante visualizzazioni ed erano tra gli esponenti più grossi del settore musicale italiano; di conseguenza la fiducia era quasi scontata. Io al tempo stesso mi sto trovando in una situazione nella quale aver dato questa fiducia a BHMG mi sta portando solamente crescita e tante cose fighe. Ogni cosa che faccio in questo momento aggiunge un mattone in più alla mia carriera. Essere il loro primo artista emergente penso sia stata la prova del 9.

 

 

#2 Quanto influisce nella tua musica Daves The Kid?

Influisce tanto, perché ti spiego come funziona: io solitamente non scrivo sempre sul beat di Daves, o meglio per il 40% delle volte sì ma per il 60% scrivo su un beat che trovo su YouTube, poi quando ci troviamo insieme gli faccio sentire le 4 canzoni che ho scritto. Lui successivamente ne sceglie una "a sentimento" tanto da dirmi “okay dai proviamo a lavorare su questa". In seguito lavora sul beat ed io intervengo dicendo la mia, “facciamolo più cupo o facciamolo più energico” ma comunque è lui che prende la navicella del suono e da vita al tutto. Questo non vuol dire che io non sia in grado di fare musica se mi trovo con Charlie o con un’altra persona. Daves però fa proprio da direzione artistica anche se un giorno lavoro con un altro beatmaker, da soprattutto le ritoccate finali, per questo motivo influisce molto nel processo lavorativo.

Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 1
Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 1

 

#3 Un uccellino ci ha raccontato di una tua futura collaborazione con Arturo (Side) ci sveli qualcosa in esclusiva?

Allora, l’unica cosa che posso dire è che bisogna stare super attenti al periodo dopo l’estate, questa è la cosa più importante. Detto questo poi io ho sempre considerato Side come uno di miei artisti italiani preferiti, perché comunque all'interno della Dark Polo Gang è sempre stato quello con l’immagine più figa, che rappava e che aveva delle metriche. Poi io essendo di Bologna sono sempre stato super gasato da questa roba, ci siamo successivamente beccati a Milano, ci siamo presi bene fin da subito e volevamo fare qualcosa insieme. Mi sento onorato ecco.

 

#4 Spesso nelle IG Stories ci capita di vedere qualche tua pazzia: raccontaci come ti vengono in mente!

Mi diverte tantissimo quella comicità quasi da instagrammer americano. Oggi molti rapper pubblicano 3 post e poi fanno 10 video divertenti girati da altri con l'iPhone. Preferisco essere io a dirigere il video, scegliere cosa fare e magari dire qualcosa di assurdo.

Mi diverte però allo stesso tempo questa cosa mi ha portato alcuni problemi: un po' di tempo fa avevo pubblicato un video della polizia e questo ha provocato un sacco di polemiche. Non credevo di scatenare tutto questo, mi aspettavo qualche “lol, hahahah, wtf, ecc” mentre invece le persone hanno cominciato a scrivere “ahh.. hai le scarpe diverse” o altri commenti assurdi. Nessuno teneva in considerazione che quello che stavo facendo era finto!! Bisogna divertirsi... cioè io in quel momento ero DrefGold in versione attore, fatevi due risate bro! 

Per esempio seguo tantissimo FatBoy!

Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 3
Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 3

 

#5 Quando DrefGold entrava in un negozio Foot Locker a Bologna qualche anno fa che cosa sceglieva? Raccontaci un po' come si è evoluto il tuo gusto in fatto di sneaker.

Allora, dico la verità quando ero piccolo di Foot Locker ce ne era forse solo uno in centro, piccolissimo. Ricordo che quando invece venivo a Milano da mia zia e mi portava a Quarto Oggiaro al Metropolis impazzivo per il Foot Locker che c'era lì! Ai miei occhi era stile Fight Club dove potevi trovare di tutto e di più. Entravo in questo posto ma ogni scarpa costava troppo, davvero troppo, col tempo poi ho avuto la possibilità di comprarle con più tranquillità appunto, senza pormi troppi problemi. Magari ora posso prendermi più di un solo paio ma all'epoca entravo nel negozio di Bologna e zero, magari la scarpa che volevo costava 100€ e così dovevo trovare un amico che avesse il 30% di sconto e cose così.

Pensa che invece adesso sto collaborando con adidas Originals e ho scattato la campagna per il lancio di Blocked Legend Pack! Sono super contento perché è un lavoro fatto appunto in collaborazione con adidas Originals e Foot Locker!

 

#6 Che cosa hai combinato durante l'estate? E quale è stata la tua colonna sonora?

C'è stato un piccolo tour estivo diverso da quello che sarà invece il "Kanaglia tour" invernale. La mia canzone dell’estate, che però è già uscita un po' prima, è senza alcun dubbio Japan di Famous Dex. Ogni volta mi prende bene, non ha stagione, è talmente presa bene che la puoi ascoltare sempre, in ogni momento! 

Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 2
Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 0
Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 0
Chiamatemi Boss: intervista a DrefGold  Quattro chiacchere con la Kanaglia della trap italiana | Image 2

 Potete acquistare i capi del Blocked Legend Pack qui