Danilo Paura. Direttore creativo e titolare insieme a Cristian Mignaniello, Marco Paura ed Enrico Giacomelli di tre marchi streetwear: Paura, Danilo Paura e Mirror.

Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il focus sulla qualità e l'unicità sartoriale delle sue creazioni sono solo alcuni dei suoi elementi distintivi così come quel cognome, così risonante, di cui ha fatto, nel tempo, la sua forza. Dopo gli studi di Costume e Moda a Rimini, viene adottato dalla città di Riccione dove inizia non solo la sua gavetta nel mondo della moda ma dove inizia anche a sperimentare e mettere in mostra il suo talento sul campo. Se gli chiedamo cosa dobbiamo sapere su di lui? La risposta è un umile tributo a chi, prima di tutti, ha creduto in lui: Massimo Novelli.

Venite a conoscere con noi Danilo Paura e il suo amore unico e folle per l'Italia e il Made in Italy. Uno dei nomi più interessanti della scena streetwear italiana e non solo; un nome che, se ancora non conoscete, conoscerete bene molto presto.

 

#1 Raccontaci di quando hai capito di voler lavorare nel mondo della moda. Come è nata questa passione?

Sono sempre stato attratto da tutto ciò che trattiene lo sguardo, tutto ciò che stupisce, tutto ciò che fa riflettere. Se si riesce a rubare anche solo un attimo e se questo poi faccia anche riflettere, allora si può dire di aver contribuito a far diventare quel momento un momento interessante. Esiste arte dove c’è voglia di comunicare, di condividere. Sin da quando ero bambino ho sempre sentito l’esigenza di fare qualcosa che mi portasse al di fuori del contesto in cui mi trovavo e ho spesso usato il mio corpo per comunicare disapprovazione nei confronti di quelli che sono gli stereotipi bigotti a cui spesso siamo costretti a sottostare. Dicevo no tingendomi di vermiglio dei capelli nerissimi; dicevo di no con piercing e tatuaggi. Non ho mai fatto decidere a mia mamma come dovevo vestire ho sempre preteso di vestirmi come volevo. Vestirsi è comunicare la propria personalità.

Ero piccolo ma già sapevo che da grande avrei fatto qualcosa che avesse avuto a che fare con questo concetto.

 

#2 Il tuo è un cognome di forte impatto, cosa ti ha spinto a tenerlo anche per i nomi dei tuoi brand? 

La storia del mio cognome è fatta di tanto odio e di rispettivo amore.
Ho odiato con tutto me stesso un cognome che ha creato non pochi attriti - sopratutto in età adolescenziale - e tante volte, arrabbiatissimo, andavo da mamma e papà supplicandoli di cambiarmi cognome, tutto ma non Paura. All’università cambiò tutto; i ragazzi usavano il mio cognome come un soprannome, un segno identificativo, ed oggi rappresenta un mio punto di forza: una debolezza che diventa un’arma a mio favore. Una sfida vinta.
Jacopo Pozzati (co-fondatore insieme a Cristian), si impose e scelse di chiamare così il brand in questo modo, ne fu convinto sin dall’inizio. Cercavamo un nome da dare al marchio e, dopo mille nomi assurdi, ci guardò e disse:

'Ce lo abbiamo in casa. PAURA'.

 

Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 1
Paura SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 2
Paura SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 0
Paura SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 4
Paura SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 3
Paura SS18

#3 Quali sono gli elementi che definiscono il tuo immaginario? C'è un qualche momento della tua vita che ha contribuito in particolar modo alla definizione di quella che è oggi la tua estetica? 

Le collezioni per me sono come la tavolozza per un pittore, ed i colori di sicuro sono un elemento di congiunzione tra arte, espressione e moda. Quando ho iniziato ero piccolo ma dentro di me sentivo d’essere come quelli più grandi, dentro di me sapevo d’essere un paninaro. I risvolti ai jeans di Uniform, felpa Best Company e Timberland .

Quel periodo di sicuro mi ha segnato stilisticamente.

 

#4 Attualmente sei il direttore creativo di tre brand, danilopaura, Paura e Mirror. Da cosa nasce la volontà di creare tre brand diversi e quali ispirazioni si celano dietro a ognuno di questi?

Sono direttore artistico di tre progetti che hanno lo stesso DNA ma comunicano attraverso linguaggi differenti. I tre progetti possono coesistere tra loro in alcuni negozi ma vivono vite parallele e la distribuzione è senz'altro un elemento di distinzione.
Paura è il marchio da cui tutto nasce: il logo fa da padrona e felpe, T-shirt e jeans rappresentano il nostro core business. Mirror è dei tre lo sfogo maggiore alla mia creatività, senza dubbio il più irriverente, non ha paura di esprimere e toccare temi hot e controversi . danilopaura è il marchio con la distribuzione più alta, i tessuti e le vestibilità sono la chiave di lettura che ne distingue lo stile. Streetwear sartoriale, definisco così questo progetto, ogni capo viene sottoposto a studi di costruzione più vicino alla sartoria con tessuti di pregio che conferiscono ai capi una qualità ed un prezzo diverso dagli altri due progetti del gruppo. 

Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 15
Mirror SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 16
Mirror SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 17
Mirror SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 18
Mirror SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 19
Mirror SS18

Come lo specchio riflette un'immagine rendendola familiare ma allo stesso ingannevole, con la grafica metto in relazione concetti diversi, esprimendo senza timore il mio punto di vista senza timore.

#5 Da quale ti senti maggiormente rappresentato?

danilopaura è frutto di una maturità professionale che in questo momento mi rappresenta maggiormente ma non per questo mi sento distante dagli altri due progetti.

Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 10
danilopaura FW17-18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 9
danilopaura FW17-18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 8
danilopaura FW17-18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 7
danilopaura FW17-18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 6
danilopaura FW17-18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 5
danilopaura FW17-18
 
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 13
danilopaura FW17-18

#6 I tuoi brand spiccano per l'alta ricerca e la qualità dei prodotti. Quanto è importante per te? 

Penso vivamente che la conoscenza della materia prima sia fondamentale, scelgo con attenzione e cura ogni tessuto e passo giornate intere nei laboratori per capire e conoscere tutte le fasi del processo di creazione dei capi. Faccio questo lavoro per passione e non c’è paese migliore del nostro per esprimere al meglio il concetto di artigianalità e manifattura. Faccio Made in Italy e ne vado fiero! La qualità di esecuzione e la scelta dei tessuti sono elemento fondamentale per rappresentare al meglio un modello che da sempre ha dato al nostro paese motivo d’orgoglio.

 

#7 In tempi recenti, hai prestato la tua immaginazione e la tua impronta creativa per diverse collaborazioni - come quella con Kappa o Superga. In che modo la tua estetica e il tuo immaginario si fondono con quella dei vari brand con cui collabori?

Sono innamorato del marchio Kappa. rappresenta uno dei marchi della mia infanzia e collaborare con loro è stato un onore, un tuffo nel passato, nelle mie memorie. Emozionante.
Kappa ha da sempre utilizzato un segno distintivo, la ripetizione verticale del proprio logo. Questo concetto è stato sviluppato utilizzando tecniche diverse e inserito in maniera accurata nella collezione. Abiti sartoriali con banda 222 e denim stampati a corrosione, twill di poliestere tecnico finito con stampa flock per la tracksuit...ho unito due mondi cercando di far coesistere i valori che contraddistinguono i due marchi, le nostre forme e i nostri tessuti con la banda ed il logo di Kappa, tutto rigorosamente fatto in Italia.

Per quanto riguarda Superga, è la sneakers italiana per antonomasia, un oggetto perfetto, come i Levi’s 501, la Vespa o la FIAT 500. Quando lavori su uno di questi, il rischio di far cazzate è dietro l’angolo.
Ho lavorato con la volontà di dare ad un progetto nuova credibilità e personalità. Ho guardato la scarpa da ogni angolazione, ma il mio sguardo è stato catturato dalla texture della suola e ho cercato così di darle importanza, pensando all’organo che si muove quando creo. Una corteccia celebrale di gomma, il cervello che diventa la suola, straripa fuori dalle linee della tomaia e fa si che la mega diventi riconoscibile, attuale, unisex, valori che hanno dato alla 2750 il successo da decenni.

Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 20
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 26
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 25
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 24
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 23
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 22
Danilo Paura x Kappa SS18
Intervista a Danilo Paura Insaziabile ricercatore e amante dell'arte, il designer italiano ci racconta la sua passione per il Made in Italy e non solo | Image 21
Danilo Paura x Kappa SS18

#8 Secondo te, quanto sono importanti i social network per la comunicazione e il buon funzionamento di un brand oggi?

L’utilizzo appropriato dei social è l’arma migliore per comunicare e far conoscere il proprio business. Il modo più democratico e sincero per dire al mondo chi siamo, cosa facciamo .

 

#9 Quando hai lanciato il tuo primo brand quale pensavi sarebbe stato il risultato?

Non penso mai ad un punto d’arrivo, mi soffermo a migliorare giorno dopo giorno. Penso a chi indossa i nostri capi, a persone che in momenti importanti della loro vita indossano i nostri capi.
Questo mi fa vivere il mio lavoro con la serenità e la voglia di andare avanti.

 

#10 Cosa dobbiamo aspettarci da Danilo Paura in questo 2018? 

Obbiettivi nel 2018: diventare più internazionale senza trascurare la nostra presenza in Italia, un’espansione graduale verso l'estero.

Al Pitti presenteremo due nuovi progetti uno con LC23 ed uno con Raparo, entrambi italianissimi. Con Leo (ndr. Leo Colacicco, fouder di LC23) ho un rapporto che va oltre il lavoro , è un giapponese nato a Gioia del Colle, l’amore per il suo lavoro e la dedizione con cui lo porta avanti ci accomuna e ci lega. Realizzeremo un progetto a quattro mani, un capo iconico del suo brand con dettagli in maglieria che invece caratterizzano il mio ma non voglio dire altro. Raparo è invece un marchio di scarpe Marchigiano, una famiglia stupenda. Vedere il nonno con il martello  in mano, i due fratelli in filiera, la mamma con il grembiule che lavora con dedizione e Marco, giovanissimo ma con le idee chiarissime sul futuro dell’azienda di famiglia: un’atmosfera unica.

È stato stimolante e costruttivo.

Venite a conoscere il designer e il suo team il 10 gennaio presso l'esclusivo store fiorentino SOTF in occasione della 93esima edizione del Pitti Uomo.
All'interno del pop-up store creato per l'occasione verrà presentata la collezione Danilo Paura x Kappa SS18.
 
Danilo Paura x Kappa 12hrs pop up store
SOTF, via de' Tornabuoni 17/r, Firenze

campaign images courtesy of Danilo Paura
cover image by Marco Onofri