Vedi tutti

Perché siamo tutti ossessionati da Raf Simons?

Un'analisi delle innovazioni che hanno reso lo stilista belga il padre dell'high-street-end

Perché siamo tutti ossessionati da Raf Simons? Un'analisi delle innovazioni che hanno reso lo stilista belga il padre dell'high-street-end
Grunge an Glory 1992

Grunge an Glory 1992

Raf Simons 1995

Raf Simons 1995

Sea of Desire
Raf Simons 1995

Raf Simons 1995

Sea of Desire
Raf Simons FW03

Raf Simons FW03

Kanye West wearing Raf Simons FW01

Kanye West wearing Raf Simons FW01

Raf Simons SS03

Raf Simons SS03

Raf Simons FW03

Raf Simons FW03

Raf Simons SS98

Raf Simons SS98

Raf Simons FW15

Raf Simons FW15

Raf Simons SS16

Raf Simons SS16

Raf Simons SS17

Raf Simons SS17

Da dove ha origine questa diffusa ossessione per Raf Simons

 

Cosa lo ha reso un designer così influente culturalmente, da costituire uno dei pilastri della contemporaneità? 

Tutto è cominciato all'inizio degli anni '90, quando Jean Paul Gaultier scatenò la Grunge Wave, il cui spirito rivoluzionario ha trasformato il modo stesso in cui la moda veniva percepita. Fu un cambiamento così profondo e repentino, che anche le riviste più autorevoli non tardarono ad abbracciarlo. Qualcuno certamente ricorderà l'editoriale Grunge and Glory di Grace Coddington e Steven Meisel, uscito su Vogue nel 1992 e diventato poi manifesto di quel glorioso periodo di trasformazioni. Così la moda entrava in contatto con la gioventù e con il vestire quotidiano: era nata la moda contemporanea. 

Grunge an Glory 1992

Grunge an Glory 1992

È in quel periodo di trasformazioni che Raf Simons, formatosi come industrial designer, inizia ad avere un sempre maggior interesse nei confronti dell’abbigliamento; un terreno fertile per le giovani menti creative e per le avanguardie culturali. Per anni il suo occhio si era affinato guardando le collezioni di Helmut Lang e del protégée di Gaultier, Martin Margiela. Fu proprio la collezione Ready-To-Wear93, All White, di Margiela il primo show a cui Raf Simons prese parte. In quei primi anni '90, Raf stava portando aventi un internship presso lo studio di design di Walter Beirendonck, che insistette per portarlo con sé alla fashion week di Parigi. Il background come furniture designer e la passione per l''avanguardia sono i due elementi che hanno spinto Raf Simons ad avvicinarsi al fashion design e rimangono tuttora distinguibili nel suo stile.

Potrebbe anche interessarti

Quando nel 1995 lanciò ufficialmente l'omonimo brand, era esplicito fin dalla primissima collezione il legame che univa il designer agli ambienti dell'underground artistico e musicale.

Raf Simons SS98

Raf Simons SS98

"I am Do It Yourself"
Le stampe più note della sua prima collezione Sea of Desires e Inverse Future manifestavano una profonda conoscenza della graffiti art e della skate culture, dimostrando l'interesse del designer nel re-inventare la strada, divenendo così uno splendido esempio della "trickle up theory" - una corrente di pensiero secondo la quale, da un certo momento in poi, è la strada ad influenzare la moda e non più viceversa.

 

Raf Simons 1995

Raf Simons 1995

Sea of Desire
Raf Simons 1995

Raf Simons 1995

Sea of Desire

Tuttavia, ciò che ha definitivamente consacrato Raf Simons è stata la sua straordinaria capacità di conciliare il suo gusto per l'underground e le subcultures con i concetti propri del minimalismo e della moda intellettuale di fine anni '90. Il suo indiscutibile talento nel fare da ponte fra realtà diametralmente opposte, riuscendo a sublimarle in quello stile che è poi divenuto la sua firma, era già chiaro dalla sua collezione SS00; quando si dimostrò in grado di fondere aspetti tipici degli studenti del MENSA, con elementi propri della cultura Gabber, promotrice dell'hardcore techno e famosa per l'uso di droghe come la Speed o l'MDMA.

Raf Simons SS98

Raf Simons SS98

Kanye West wearing Raf Simons FW01

Kanye West wearing Raf Simons FW01

Raf Simons FW03

Raf Simons FW03

Raf Simons SS03

Raf Simons SS03

Raf Simons FW03

Raf Simons FW03

Raf Simons inoltre si è dimostrato fin da subito in grado di attirare a sé le attenzioni e la stima di artisti e musicisti. Già nel 1998 per la sua collezione Radioactivity riuscì a far sfilare i membri dalla band Krautrock tedesca Kraftwerk. Il suo potere di trasformare qualsiasi cosa tocchi in un oggetto di culto, ha fatto si che molti appassionati cominciassero a collezionare le sue creazioni. Questo fenomeno ha assunto proporzioni tali da far sì che i capi più rari e ricercati raggiungano quotazioni di mercato elevatissime. Fondamentale è stato anche il suo apporto ai più recenti fenomeni della moda. Raf Simons infatti, insieme a Jun Takahashi, può essere individuato come precursore e padre spirituale del movimento High-Street-End, che promuove una visione intellettualizzata e sofisticata dello streetwear. Brand come CAV EMPT, Hood By Air o Facetasm affondano le proprie radici nel lavoro di Raf Simons. Questa è una delle ragioni per cui il designer è considerato come una figura autorevole non solo dai fashion geeks, ma anche dai connoisseur dello streetwear più smaliziati. Bisogna anche tener conto di come negli ultimi decenni moda e streetwear abbiano intrecciato le loro strade al punto da rendere impossibile il delineamento di un confine marcato tra i due.

Raf Simons FW15

Raf Simons FW15

Raf Simons SS16

Raf Simons SS16

Raf Simons SS17

Raf Simons SS17

C'è poi quella più vasta e meno istruita fetta di ammiratori di Raf Simons, che deve la sua esistenza al boom di endorsement del brand da parte di celebrità e hip-hop stars negli ultimi anni. Con la nascita dei cosiddetti "fashion rapper" l'attenzione degli artisti nei confronti di brand, ritenuti fino ad allora di nicchia, come Rick Owens, Raf Simons, Helmut Lang o Jil Sander ha portato a questi ultimi un pubblico inaspettato. C'è poi da aggiungere, per quanto riguarda Raf Simons, che ogni qual volta una celebrità faccia la sua comparsa, indossando un capo di archivio ultra-raro, questo gli è stato probabilmente prestato dallo stylist e collezionista David Casavant, che possiede nel suo appartamento di Manhattan una vastissima collezione che vanta più di 2000 pezzi.

“I like creating something that is not only about me, it’s about people who can relate to that thing and, all together, it becomes an environment”,

ha dichiarato il designer belga durante un intervista a 032c. Ed è esattamente ciò che Raf ha fatto. Gettare, anno dopo anno, collezione dopo collezione, le basi per un nuovo ambiente aiutando a plasmare, con il suo occhi critico e l'attenta osservazione del fashion system, quella che oggi viene definita "estetica contemporanea".