Venerdì scorso siamo andati alla scoperta del pop-up DMCkal in via Lupetta a Milano, dove abbiamo incontrato Gully Guy Leo per una breve chiacchierata. DMCkal si sta costruendo una reputazione come uno dei brand più interessanti della scena streetwear underground grazie all’iconico logo della farfalla danzante ma soprattutto grazie al supporto di nomi internazionali del calibro di Bloody Osiris, Luka Sabbat e A$AP TyY.

Ecco cosa ci ha raccontato l'influencer britannico Gully Guy Leo.

 

Intervista a Gully Guy Leo  L'influencer britannico ci ha raccontato un po' di sè e nel futuro non c'è solo Instagram  | Image 0

#1 L'ultima volta che ti abbiamo visto a Milano è stato lo scorso giugno durante la settimana della moda. Era la tua prima volta che visitavi la città? Come ti sei trovato? Ti sei divertito?

Sì, molto. Milano spacca. I miei amici stavano in questo hotel molto carino dove ho approfittato del servizio in camera e mi sono super goduto la SPA.

Ti sei imbattuto in qualche spot figo per le tue foto da te ribattezzate “fit pics”?

Non proprio. Non c'erano molti spot belli in realtà. Li ho cercati e Milano non è niente di che. È piuttosto secca. Tutto sembrava uguale, sfortunatamente. Mi dispiace, ma è cosi.

Quindi Londra è meglio per le “fit pics”?

Sì, esattamente.

Come mai? Per te è soprattutto una questione di composizione dei colori, giusto? Hai sempre un colore di contrasto nelle tue foto.

Mi piace quando c’è un elemento di disturbo a livello di colori, ma non troppo, giusto un po’ per far risaltare l'outfit, capito?

Quindi questo è il segreto delle “fit pics”?

Sì, esattamente.

Intervista a Gully Guy Leo  L'influencer britannico ci ha raccontato un po' di sè e nel futuro non c'è solo Instagram  | Image 2
#2 Ultimamente ti abbiamo visto spesso fare il DJ. Come nasce questa tua passione collaterale per la musica?

La mia famiglia è sempre stata appassionata di musica, mio ​​fratello è da sempre un bravissimo musicista. Credo siano stati loro a trasmettermi il senso del ritmo, quando mi sono cimentato nel DJing, mettere i dischi a tempo e trovare i pezzi giusti mi è venuto davvero facile, poi ho continuato ad imparare e ora mi diverto molto nel farlo. Non so, mi piace esibirmi davanti alle persone.

Quindi ti vedi DJ in futuro?

Sicuramente. Questo è quello che voglio essere, un DJ.

E qual è il tuo nome da DJ?

Gully Guy, ovviamente!

Intervista a Gully Guy Leo  L'influencer britannico ci ha raccontato un po' di sè e nel futuro non c'è solo Instagram  | Image 1
#3 Come fai a gestire un brand di moda, tenere il passo con i tuoi impegni scolastici ed essere Gully sempre sul pezzo?

Mmh, non lo so!

Per un mese ora sarai in viaggio, ma la scuola?

Beh, il periodo degli esami è finito e quando devo studiare accantono la moda per rimanere concentrato sugli esami, ma ora finalmente sono terminati, posso tornare a dedicarmi al lavoro. Non è difficile come pensi. Credevo fosse più tosto, ma in realtà riesco a gestire tutto.

I tuoi professori quindi sono tolleranti con i tuoi impegni?

Sì, esattamente.

E sei abbastanza intelligente per recuperare tutto ciò che ti sei perso mentre non eri in classe?

Sì.

 

#4 Qual è il tuo consiglio per le altre persone che vogliono seguire il tuo percorso su Instagram? Voglio dire, per gli altri giovani della tua età?

Direi essere te stesso, la gente ti giudicherà sempre, ma devi solo ignorarli. Capito? E fai finta che non ti diano mai fastidio.

Gli haters ti aiutano nella crescita del tuo personaggio?

Esattamente. Se impari a gestire il loro odio, senza prenderla mai sul personale, spaccherai sempre, chiaro no?

#5 Parlaci di questa collezione DMCKal, cosa indossi oggi?

È fighissima. Il mio pezzo preferito di tutta la collezione è questo pantalone della tuta che ho scelto di indossare oggi.