Le opportunità quando capitano bisogna prenderle al volo e non lasciarsele scappare, ed è quello che facciamo oggi. Approfittiamo dell'uscita della collaborazione tra Chris Cunningham e Supreme per raccontarvi chi è Chris Cunningham attraverso le sue opere e la sua poetica. 

L'estetica disturbante di Chris Cunningham Vi raccontiamo chi è l'artista dietro l'ultima collaborazione di Supreme | Image 2
L'estetica disturbante di Chris Cunningham Vi raccontiamo chi è l'artista dietro l'ultima collaborazione di Supreme | Image 1
L'estetica disturbante di Chris Cunningham Vi raccontiamo chi è l'artista dietro l'ultima collaborazione di Supreme | Image 0

Il regista inglese inizia la sua carriera molto presto, a 17 anni, nel mondo degli effetti speciali quando lascia la scuola d'arte che frequentava per lavorare con gli Pinewood Studios dove in quel periodo si stava lavorando alla realizzazione di uno dei film horror più iconici di sempre, Hellraiser II; Prigionieri dell'inferno di Clive Barker.

via GIPHY

Grazie a questa esperienza lavora con David Fincher e viene contattato da Stanley Kubrik per il progetto Artificial Intelligence che però non vedrà mai la luce. Fino al 1995 lavora per la 2000 AD Comics per la quale realizza alcuni numeri del fumetto Judge Dred, ma da lì in poi le cose cambiano radicalmente per il regista inglese. Inizia la sua collaborazione con l'etichetta discografica Warp Records dirigendo il video Come to Daddy di Aphex Twin (protagonista lo scorso weekend del Club to Club 2018 a Torino), ricevendo svariati premi anche per il lavoro fatto con Squarepusher e Portishead.

via GIPHY

 

Il lavoro di Cunningham ha esplorato svariate forme di espressione oltre ai video musicali, negli spot ad esempio la sua genialità ha trovato terreno fertile sul quale proliferare realizzando lavori di assoluto culto come lo spot per Play Station "Ricchezza Mentale" per il quale ha vinto il Premio D&AD - Television & Cinema Advertising Crafts: Special Effects nel 2000, per Levi's, Gucci e Telecom Italia con protagonista Leonardo Di Caprio.
Ha lavorato con Spike Jonze e Michel Gondry e nel 2005 ha pubblicato Rubber Johnny una sorta di commistione tra un videoclip, video arte e un portfolio fotografico con la colonna sonora di Aphex Twin. Un'assoluto capolavoro unico nel suo genere e che è stato oggetto della collaborazione dell'artista con Supreme rilasciata ieri. 

via GIPHY

 

Definire la poetica di Cunningham è semplice, forma solida e forte e continuità tematica. Il montaggio è sincronico grazie alla tecnica definita Mickey Mousing che consiste nel sincronizzare le azioni sullo schermo con gli effetti sonori e la musica di accompagnamento che segue punto per punto l'azione visibile sullo schermo. Esploratore della società tecnologica, ne analizza i pregi senza dimenticarsi dei difetti sottolineando comunque l'importanza delle emozioni primordiali dell'uomo.

via GIPHY

Regista visionario che incentra la sua ricerca sulla contaminazione tra biologico e tecnologico esplorando come pochi il mondo biomeccanico e proprio questa sua capacità di calarsi nella realtà delle ibridazioni e delle contaminazioni, a tutti i livelli, rende Chris Cunningham uno dei registi di riferimento della nostra epoca. 

Qui di seguito potete vedere alcune delle opere iconiche del regista inglese, buoni incubi a tutti:

Aphex Twin - Windowlicker (1999)
 

Chris Cunningham & Aphex Twin - Rubber Johnny (2005)

Telecom Italia (2000)

Flora by Gucci (2009)

Sony Play Station - "Ricchezza Mentale" (1999)

Levi's Original - Photocopier (2003)