Browse all

Il libro che ripercorre la storia del magazine di Acne Studios

Acne Paper fu un esperimento editoriale di altissimo livello che univa arte, fotografia e giornalismo

Il libro che ripercorre la storia del magazine di Acne Studios Acne Paper fu un esperimento editoriale di altissimo livello che univa arte, fotografia e giornalismo

La decisione di Bottega Veneta di abbandonare ogni social network per concentrare la propria comunicazione su una rivista digitale in-house aveva riacceso il dibattito sull'evoluzione dei branded content dell'industria della moda, che ha visto le maison prendere il controllo della propria comunicazione stabilendo un contatto con il proprio pubblico che non passi dai social o dai magazine tradizionali. 

Di questo trend era stato antesignano Acne Studios, che dal 2005 al 2014 portò avanti il magazine semestrale Acne Paper, 15 numeri diretti da Thomas Persson che cambiarono il panorama dell'editoria fashion. Le doppie pagine fashion del magazine erano solo una parte di un progetto più ampio che si concentrava sulla cultura nella sua interezza, spaziando tra fotografia, arte, letteratura e giornalismo. Acne Paper non era un semplice esperimento editoriale, ma una rivista di livello internazionale la cui qualità era riconosciuta dagli insider dell'industria. 

Oggi Acne Studios presenta un volume di 568 pagine che celebra e racconta i lavori più importanti e significativi nella storia del magazine, accompagnati da testi inediti di Sarah Mower, Vince Aletti e Robin Muir. Il libro include il lavoro di fotografi leggendari come David Bailey, Saul Leiter, Sarah Moon, Snowdon, Irvin Penn e Paolo Roversi, oltre a creatori di immagini appartenenti alle nuove generazioni come Roe Ethridge, Jamie Hawkesworth, Julia Hetta, Viviane Sassen e Sølve Sundsbø, e molti altri. Curato dallo stesso Thomas Persson, il volume contiene interviste e contributi di Azzedine Alaïa, Isabelle Huppert, Alejandro Jodorowsky, Kim Jones, David Lynch, Malcom McLaren, Arthur Mitchell, Glenn O'Brien, Hans Ulrich Obrist, Tilda Swinton e Gillian Wearing. Per la cover ed il portfolio di apertura, Christopher Smith, conosciuto per i suoi autoritratti, ha dato la sua interpretazione artistica di Acne Paper e dei suoi 15 temi. 

Il libro Acne Paper Book è disponibile sul sito del brand in una tiratura limitata di 4000 copie ad un prezzo di €95.