Vedi tutti
L'era degli Influencer - nss magazine Digital Cover Per il lancio della nostra prima copertina digitale, nss magazine esplora il significato della parola influencer
Luca wears total look Corneliani & accessories by Supreme
Nilma wears Fendi blazer & skirt, shirt from stylist's archive, Dior heels, Kenzo Sunglasses & Marco De Vincenzo earrings
Asia wears totals look by Fendi, sunglasses by Timberland & Nike sneakers , Marco wears shirt, trousers & tie by Corneliani , Prada sneakers & Dsquared2 sunglasses
Alessandro wears total look Corneliani
Chiara wears full look Gucci
Marco wears shirt, trousers & tie by Corneliani , Prada sneakers & Dsquared2 sunglasses

L'industria degli influencer è cresciuta ad un ritmo così rapido in tutto il mondo da paragonarsi per dimensioni e profitto a qualsiasi altra industria di successo della cultura pop. Millennials e Gen Z hanno deciso di chiudere i libri di scuola per tuffarsi nel vasto mondo del social media marketing, trasformando la propria quotidianità in marchi commerciali a tutti gli effetti attraverso l’utilizzo di social media come Instagram.

La prima digital cover di nss magazine indaga il mondo dei social media influencer. Attraverso questo editoriale immaginiamo un mondo nel quale personalità come gli hypebeast, freaks and geeks e fashionisti di oggi avessero frequentato una scuola appositamente creata per insegnare come amplificare le proprie personalità per diventare celebrità su Internet.

nss magazine ha parlato con alcuni degli influencer, esperti, studenti locali e internazionali dell’industria, per analizzare da diverse prospettive il potenziale sia negativo che positivo di quella che è diventata l'industria degli influencer. 

 

Credits

Photography  Gio Corabi
Styling Matteo Greco
Styling assistant Regina Graceselda
Set Designer Lorenzo Dispensa
Casting Director Sabrina Mostrangelo
Hair Gabriele Trezzi
Makeup Luca Cianciolo
Creative Direction nss magazine
Creative Producer Jordan Anderson
Producer Ali Kiblawi 
Production: nss factory

L'era degli Influencer - nss magazine Digital Cover

Per il lancio della nostra prima copertina digitale, nss magazine esplora il significato della parola "influencer"

 

Durante gli ultimi dieci anni il monopolio dell'industria degli influencer partendo dalle camerette degli YouTuber, vlogger e fashion blogger si è drasticamente evoluto fino ad arrivare dentro le stanze di alcune delle società più ricche dell'industria della moda. 

Con l'ascesa dei social network, la persone hanno scoperto il potere della notorietà digitale approfittando dell'opportunità di amplificare la propria personalità, trasformandosi a loro volta in celebrità locali con uno stormo di seguaci a portata di clic. Questo ha concesso ad ogni persona di “successo” non solo un apparente sentimento di potere e presenza su un pubblico, ma un ritorno economico e commerciale, che si traduce in un'alternativa di vita. Sono finiti i giorni di serie carriere universitarie come medicina, legge e altri campi accademici, come letteratura, spettacolo e arti visive, i social media hanno preso il sopravvento e hanno generato l'attuale era dell'influencer digitale - un settore dal valore di 10 miliardi entro il 2020.

I Millennials e la Generation Z stanno abbandonando i libri per investire nei social media come fonte alternativa di reddito incanalando tutti gli sforzi per perfezionare le loro capacità di social media marketing. Tuttavia, sebbene entrambe le generazioni si siano aggrappate all'idea dell'influencer marketing, ognuna sembra avere prospettive diverse che cambiano e si evolvono costantemente, in particolare quando si parla di Instagram.

"La maggior parte dei millennial ricorda quando i blogger sono apparsi per la prima volta sulla scena ed è stato pertanto quel gruppo a inaugurare  l’estetica influencer. La Gen Z non ricorda la vita senza Internet e in realtà sta guidando l'accusa di avere una presenza sui social media che assomiglia più alla vita reale. Che si tratti di un vlog leggermente modificato o di una foto più candida senza filtri, ci sono sicuramente differenze tra le due generazioni quando si tratta del loro approccio ", spiega Brittany Hennessy, esperta di Influencer marketing e autrice di INFLUENCER.

 

Sebbene gli approcci cambiano costantemente, partendo da Youtube, a Instagram a Tik Tok, una cosa che sembra non essersi stabilizzata è una definizione di questo business.
Quindi cos'è esattamente un influencer?

 

"Un influencer è qualcuno il cui essere (in qualsiasi forma) influenza le scelte delle altre persone." - Geoffe K. Cooper, Fashion & Lifestyle Influencer @geoffkcopper

 

"Un influencer è qualcuno con un seguito - piccolo o grande - che ha una voce, passione, interesse e usa il suo seguito per promuovere determinati argomenti, prodotti o preoccupazioni, pagati o non pagati." - Ariane Hussey, London College of Fashion Strategic Fashion Student Student @arianehussey


"Partendo dal presupposto che è una parola che poco mi piace perché significa tutto e niente e con la quale non mi riconosco particolarmente, io credo che l’influencer sia una persona che si distingue - o almeno in teoria dovrebbe essere così - da altri per una particolare capacità comunicativa. È una persona che sa entrare in contatto con gli altri e che riesce a presentare una visione della sua realtà, e di cosa lo circonda, suscitando interesse." - Ilaria Grande, Streetwear Connoisseur @ilariabig

 

Il filo conduttore di ogni definizione sembra essere il potere di ispirare il pubblico, ma dopo averlo stabilito, ciò significa che persone come Martin Luther King, Buddha e Nelson Mandela sono da considerare influencer?
E se questo equiparasse gli influencer dei social media nell'era digitale ad avere un livello di forza potenziale simile a quello delle principali influenze sociali, che cosa ha causato lo stigma negativo che li circonda?

 

“Penso che le persone non capiscano quanto lavoro sia necessario per diventare un influencer di successo. Si sentono solo storie di freeloader e artisti della truffa, ma questa è solo una piccola percentuale di influencer. Molti cercano di guadagnarsi da vivere facendo le cose che amano e vivono una vita di cui sono appassionati. Penso che molte persone siano invidiose della loro volontà di uscire e perseguire i propri sogni. Chi non vorrebbe lavorare da solo, vivere una vita favolosa e fare un sacco di soldi? ”- Brittany Hennessy, esperta di marketing di Influencer e autrice di INFLUENCER, @mrsbrittanyhennessy.

 

“L'aspetto negativo deriva forse dal fatto che ci piace pensare a noi stessi come INDIVIDUI? unici, autodeterminati e autonomi, ma  in quanto esseri umani ci nutriamo gli uni degli altri. Un bambino impara a parlare e comportarsi attraverso l'imitazione. La contraddizione ironica e divertente, è che le piattaforme di social media come Instagram si basano suu concetti di "individualità" e "identità", ma hanno finito per creare ciò che ora chiamiamo influencer. Questi sono persone che esercitano alti livelli di influenza attraverso la loro visibilità o un gran numero di follower. ”- William Ndatira, Content Creator @williamcult

 

“Il problema con gli influencers è che ce ne sono cosi tanti in grandi numeri  al giorno d'oggi. Instagram è saturo di influencer che hanno iniziato a perdere la loro credibilità,  spesso per avere accettato troppi lavori sbagliati o retribuiti. Ciò che è nato come una figura con una platea e una passione della quale farsi portavoce , in molti casi si è trasformato in una persona che ricerca il ruolo di influencer puramente per il gusto di un rapido controllo - che si riflette fortemente nelle sue scelte e azioni. I grandi influencer "OG" sembrano mantenere una maggiore credibilità, sia grazie a precedenti lavori, reputazione o una adeguata formazione. “- Vetle Egeland, studente di Master in Fashion Experience and Design, SDA Bocconi @vetleegeland

 

Quindi sembra che alcune uova marce hanno contaminato l'industria e sfocato l'opinione pubblica degli influencer, ma con la grande massa di voci "influenti" che Internet ha creato, è quasi impossibile garantire che ognuno di loro produca critiche costruttive, dall'altra parte su internet l'odio funziona. La sovrappopolazione del settore potrebbe essere l'inizio della fine per questo settore. La crescente quantità di utenti che sperano di saltare a bordo di uno stile di vita apparentemente affascinante ha abbassato il tasso di massimo successo che sembra diventare sempre più scarso, i critici hanno persino affermato che l'epoca d'oro di Instagram sta per finire. E con un'industria che sta affrontando la sua prima minaccia di sovrappopolazione, potrebbe trovarsi in una delle due opzioni, un crash o un'evoluzione.

 

"Con il passare del tempo penso che il concetto di "influencer marketing" diventerà più ampio e i marchi inizieranno a capire che tutti i profili sono influenti sulla loro cerchia di follower, indipendentemente dal fatto che siano seguiti da 100 amici intimi e familiari o da un pubblico di un milione. Penso quindi che inizieremo a vedere molti altri schemi come la recente collaborazione di adidas con l'app Storr o il programma di ambasciatori del marchio di Asos, poiché i marchi saranno sempre più desiderosi di assicurarsi di raggiungere una presenza prolungata sui social network e come le reti stesse, continuerà a dominare il panorama dei media.

"I profili Instagram sono già i nuovi siti Web per molte società (ovvero il primo touchpoint) e appena gli acquisti possono essere completati all'interno dell'app, Instagram si trasforma in una piattaforma di e-commerce, l'influencer marketing passerà da una strategia ambasciatrice del marchio a una strategia SEO (una strategia sempre più progettata per battere l'algoritmo di Instagram), quindi la mia previsione è che il marketing degli influencer non solo crescerà da dove siamo ora, ma si evolverà anche considerevolmente “, - Rachel Clay, Responsabile Social Media e Influencer Marketing @MatterofForm

 

“Non credo che il mercato degli influencer sia troppo saturo. Penso che alcune persone traggano beneficio da quella narrativa e quindi è diventata una cosa che pontificano. Il mercato degli influencer, nella sua totalità,  si sta espandendo ed evolvendo. Il modo in cui viene esercitata l'influenza sta cambiando, i pregiudizi vengono sfatati, più persone di colore stanno ottenendo opportunità, la diversità e l'inclusione sono ora fattori nel coinvolgimento degli influencer, il tavolo che premiava pochi ora offre posti a molti, questa la chiamo evoluzione, non saturazione. ”- Geoff K. Cooper, Influencer di Fashion & Lifestyle @geoffkcopper

 

“Gli influencer in termini di moda stanno solo colmando il gap lasciato dalle riviste. Un ragazzo di 17 anni che vuole sapere cosa comprare o come vestirsi guarderà Instagram. Lo stile della rivista è stato ucciso dalla pressione dei grandi marchi per mostrare solo gli sguardi degli inserzionisti. La moda nei nuovi media (social media) è comunicata in diversi modi dagli “influencer” ai meme. Si evolverà quando le persone si annoieranno di influencer che posano nelle strade con borse costose. Ma l’Economia dell'attenzione" è qui per restare finché le piattaforme raccolgono dati e gli utenti forniscono contenuti. Gli influencer sono solo una piccola parte del gioco. “- William Ndatira, Content Creator @williamcult

 

Con quello che sembra essere una sproporzione di "influenza" nella società digitale, non si può fare a meno di chiedersi, come possiamo usare questa forza a nostro vantaggio per incoraggiarci a vicenda, non solo per comprare scarpe alla moda ma nello sviluppo sociale? Per esempio basta guardare la forza della sedicenne Greta Thunberg.

 

“Gli influencer sanno come connettersi con il loro pubblico molto più di quanto a volte persino un marchio sia in grado di farlo. Se si collegano con loro su determinate cose per provocare cambiamenti come la consapevolezza dei cambiamenti climatici e della foresta pluviale amazzonica, ecc., Possono essere ben accolti in quanto saranno in grado di diffondere il loro messaggio in un modo che si relaziona con il loro pubblico permettendo loro di ricevere il messaggio migliore e avere un impatto più duraturo. -Ariana Hussey, studentessa di gestione strategica della moda al London College of Fashion @arianehussey

 

“Penso che l'efficacia degli influencer si riduca davvero a quanto siano riconoscibili, credibili - ma a volte anche aspirazionali. Penso anche che la credibilità sia la parola più grande, perché ci sono molti "influencer" che le persone seguono puramente per contenuti belli o interessanti, ma se i marchi vogliono usare gli influencer devono essere persone che trasformeranno i seguaci in clienti del marca. Non ho ancora acquistato un marchio o un prodotto perché un influencer ha pubblicato qualcosa a proposito - faccio davvero fatica a credere che l'influencer avrebbe davvero scelto quel marchio se non fossero stati pagati per promuoverlo. Il lavoro di influencer è quello di ispirare, al di fuori del concentrarsi solo sul prodotto. E poi, si tratta di creare la relazione con i follower e connettendosi a diversi livelli, che si tratti di, lavori, opinioni politiche, voce sociale e altre. "- Vetle Egeland, studente di Master in Fashion Experience e Design, SDA Bocconi @vetleegeland

 

 

Presumendo che l'industria nel suo stato attuale si evolverà e continuerà a prosperare per i prossimi due decenni - dando per assodati tutti i pro e contro - è un settore che incoraggeresti o addirittura permetteresti ai tuoi futuri figli di far parte?

 

“Credo sinceramente poco al “oggi mi sveglio e decido di diventare influencer”. Tutti gli influencer che stimo e rispetto maggiormente non l’hanno deciso, è capitato. Essendo per il libero arbitrio probabilmente le/gli direi sì, fai ciò che meglio credi, a patto che continui a studiare e mantenere viva la sua creatività. Il tempo poi stabilirà se sarà la strada giusta o meno.” -Ilaria Grande, Streetwear Connoisseur @ilariabig

 

"Assolutamente. Usare ed essere ciò che sei interamente o creare il sé che vuoi essere è uno sforzo che ogni essere umano dovrebbe avere il diritto di fare. Se questo 'influenza' le persone positivamente, non è affatto una cosa negativa. ”- Geoff K. Cooper, Fashion & Lifestyle Influencer @geoffkcopper

 

“Gli influencer che non hanno punti di vista o abilità speciali verranno espulsi, spingerei i miei futuri figli ad avere una prospettiva unica se volessero seguire la strada. Il bene di diventare "insta-famoso" per la popolarità non è appagante e duraturo. Finché hanno una specialità e una passione che alimentano il loro "influenzare", va bene per me ". - Matt Chu, Fashion Influencer, @mattchupicchu