La Real Federación Española de Fútbol (RFEF) ha annunciato con un comunicato molto esplicito la volonta di allontanarsi da adidas, lo sponsor tecnico che dal 1992 produce le maglie della Roja, in un trentennio in cui sono state conquistate anche una Coppa del Mondo e due Europei.
Il contratto con adidas non è in scadenza, infatti in raporto dovrebbe durare fino al 2026, tuttavia secondo la Federazione spagnola "Le condizioni dell'accordo concordate quando fu firmato anni fa, non rispettano i criteri di legalità, trasparenza ed equità che la RFEF considera minimamente accettabili".

La Nazionale spagnola vuole lasciare adidas Le condizioni dell'accordo concordate non rispettano i criteri che la RFEF considera minimamente accettabili | Image 0

Il contratto che attualmente lega RFEF ad adidas è stato firmato durante la presidenza di Ángel María Villar e riporta alla Federazione 10 milioni di euro a stagione, una cifra molto più bassa rispetto ai contratti di sponsorizzazione di altre squadre europee. Pertanto, il RFEF è disposto ad aprire ufficialmente la porta ai big brand, con cui negozierà per ottenere la fornitura delle divise delle "Furie Rosse". La Federazione ha annunciato che continuerà a rispettare l'accordo con adidas fino alla data in cui la risoluzione contrattuale avrà effetto, tuttavia all'orizzonte alcuni vedono già l'ombra di PUMA, eterno rivale del brand tedesco e deciso a investire sempre di più nel calcio.

La Nazionale spagnola vuole lasciare adidas Le condizioni dell'accordo concordate non rispettano i criteri che la RFEF considera minimamente accettabili | Image 2
La Nazionale spagnola vuole lasciare adidas Le condizioni dell'accordo concordate non rispettano i criteri che la RFEF considera minimamente accettabili | Image 3
La Nazionale spagnola vuole lasciare adidas Le condizioni dell'accordo concordate non rispettano i criteri che la RFEF considera minimamente accettabili | Image 1
La Nazionale spagnola vuole lasciare adidas Le condizioni dell'accordo concordate non rispettano i criteri che la RFEF considera minimamente accettabili | Image 0