nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

AcidFC ha disegnato la maglia dell'Europa

Un progetto che collega la Brexit, i Mondiali del '94 e i raver anni '80

AcidFC ha disegnato la maglia dell'Europa Un progetto che collega la Brexit, i Mondiali del '94 e i raver anni '80

Calcio, moda e un mix di sostanze psichedeliche sono la ricetta del brand inglese AcidFC. Proprio da Londra nasce il progetto della nuova EU Football Jersey, la maglia della Nazionale europea, tanto di moda negli anni 2000, quando si organizzavano partite apocalittiche tra Europa e Resto del Mondo. La maglia ha anche un messaggio polemico nei confronti della "situazione di merda" della politica inglese, dopo il voto favorevole all'uscita dall'Unione Europea del 2016, che completarsi ufficialmente a inizio aprile. Il progetto vuole difendere e valorizzare la multiculturalità tipica di Londra e vero valore del calcio in genere. 
Come Ed ha raccontato in esclusiva a nss, AcidFC va controcorrente, attingendo alle controculture underground del passato:

"Per comprendere AcidFc pensate alle controculture psichedeliche degli anni '60 e all'Acid House degli anni '80. Al modo in cui hanno portato a unesplosione dirompente e illuminante di cultura che ha lasciato il segno fino ai giorni nostri. Importante per noi è stato l'impatto che ha avuto la scena rave di fine anni '80 sugli hooligans inglesi, e come le rivalità sono state dissipate dagli effetti dell'ecstasy"

Questi movimenti non a caso influenzano le tendenze, soprattutto in Inghilterra e nel mondo del calcio. I raver degli anni '80, per esempio, hanno tutt'ora un'ascendenza sugli hooligans e le loro abitudine, anche tossiche. AcidFC ha trovato il modo per connettere  le vibrazioni che provoca il calcio a quelle che si provano sotto le casse di un club. La negatività e i messaggi politically incorrect si placano con poche certezze, profondamente inglesi: i pub, la birra e il calcio.

Il fotografo Liam Ricketts sceglie infatti un pub per scattare la campagna pubblicitaria della jersey EU, che, come dicono i fondatori del brand, ha i suoi vantaggi, come quello di soddisfare il bisogno di una pinta alle 8 del mattino o un cesso gratis. La maglia ha un pattern giallo e blu, ispirato ai colori dell'Unione Europea e all'iconica maglia da trasferta degli Stati Uniti ai Mondiali del 1994. Un design più fashion che sportivo, con un pattern interrotto solamente da stelle e dai due loghi, del brand, sul petto a destra, e della squadra, in alto a sinistra. AcidFC tuttavia non è solo un brand di moda

"Oltre a fare abbigliamento siamo uno studio di progettazione grafica, con un focus completo sul football. I progetti si concentrano sull'uguaglianza e il 50% del nostro lavoro si struttura su una base di volontariato."

Non sappiamo cosa aspettarci dai prossimi progetti di AcidFc, ma gli obbiettivi del brand sembrano essere molto chiari, come ci ha spiegato uno dei fondatori:

"L'obbiettivo è quello di far crescere lo studio, sia dal punto di vista dell'abbigliamento (compresi i kit da calcio) sia da quello del design, in modo da portare un po' di gioia e unità al mondo del calcio e alla sua cultura. Qualcosa di diverso da i principali brand che dominano la scena nel 2019. Soprattutto se non ci fa sorridere, allora non succederà. Vogliamo essere il brand più felice là fuori".

 

 

La maglia è disponibile online in soli 250 pezzi.