L’abbigliamento e gli accessori da ciclismo sono stati riscoperti come capi di moda: i prodotti venduti oggi sono frutto di una evoluzione tecnica e sportiva che ha portato nel ciclismo ad una rivoluzione dei materiali e dei componenti utilizzati durante le gare, che ritroviamo sulle passerelle di tutto il mondo.

Uno dei prodotti che ha riconquistato maggiormente l’attenzione sono i pantaloncini da ciclista, presentati in diverse collezioni e indossati da Kim Kardashian in ogni combinazione possibile. A molti è sembrato un trend insolito, ma questo capo era molto di moda negli anni ‘90, come ve ne abbiamo parlato qui.

L’aspetto stilistico, seppur sorprendente, non è minimamente comparabile all’effetto che questo capo ha avuto all’interno delle corse. Spesso si guarda ai telai sempre più leggeri, all’integrazione tra ricerca scientifica che migliora al limite la posizione dell’atleta sulla bici, ma si finisce così per ignorare troppo spesso un prodotto che, nonostante possa sembrare poco innovativo sia visivamente che tecnicamente, agisce nell’ombra come il lavoro di un gregario per il capitano. I bike shorts hanno rivoluzionato il ciclismo, diventando supporto tecnico e seconda pelle dei corridori.

Per capire la portata che ha avuto questo item nell’evoluzione ddel ciclismo, ripercorriamone la storia.

La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 0


IL NERO E LA LANA

I primi pantaloncini da corsa erano in lana neri, un materiale sempre caldo, con un colore che mascherava il fatto di essere appoggiati su selle oleate per diverse ore. Nonostante il miglioramento, grazie ai rivestimenti in pelle, i capi indossati erano di gran lunga lontani da ciò che si utilizza oggi, ancora troppo scomodi e poco funzionali.

La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 1


LA LYCRA E IL COLORE

La prima grande rivoluzione arriva nel 1976 quando in una sola notte, tutti i pantaloncini in lana diventano obsoleti. Il marchio svizzero Assos presenta il primo modello in lycra o meglio Elastam, fibra sintetica ed elasticizzata, costruito per il team Ti-Raleigh. Il nuovo materiale era stato inventato oltreoceano dall’americana DuPont già nel 1959 e fino ad allora veniva utilizzato nello sci e nel nuoto. L’intuizione di portarlo nel ciclismo cambierà per sempre il comfort degli atleti. Un filato leggero, morbido, flessibile e soprattutto allungabile, che consentiva al pantaloncino di adattarsi perfettamente ai muscoli, seguendone la tensione durante ogni pedalata. Se l’azienda svizzera ha avuto il merito di averlo introdotto nel ciclismo, è la genialità di Maurizio Castelli a portarlo al pubblico. A partire dal 1977 l’azienda italiana introduce tra i suoi prodotti un modello aerodinamico che manteneva le stesse caratteristiche grafiche di quelli di lana, nero con il marchio in bianco. Gli amatori crearono fin da subito code fuori dalle aziende per acquistare i nuovi modelli, confermando come il pantaloncino fosse un elemento rimasto obsoleto per troppi anni, considerata la sua importanza.

La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 1
La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 2

Cambiò velocemente anche il design, le bretelle per sostenere i pantaloni vennero integrate in un pezzo unico, anche se, il dettaglio che più di tutti saltò all’occhio, durante il Giro d’Italia del 1981, fu l’introduzione dei pantaloncini colorati. All’epoca c’era una regola che obbligava le squadre ad indossare solo pantaloncini neri, Maurizio Castelli però fece indossare i primi pantaloncini colorati agli atleti della Bottecchia-Honved che, sulla linea di partenza, portarono un inedito completo turchese. Non si trovano immagini in corsa di pantaloncini colorati, perché gli atleti furono obbligati a sostituirli, tuttavia per l’azienda ci fu un grande ritorno d’immagine, gettando le basi per la vera rivoluzione, che sarebbe arrivata poco dopo.
L’azienda lombarda infatti è pioniera nella stampa a sublimazione, un metodo innovativo che consente di stampare immagini con un’elevata qualità, senza limiti di colore e soprattutto senza che l’atleta senta l’effetto e il peso che prima erano date dalle cuciture delle toppe. Se si pensa che, in una inquadratura laterale, la gamba del ciclista occupa gran parte della sua porzione di fisico visibile, con la possibilità di stampare scritte colorate i pantaloncini sono divenuti degli spazi pubblicitari, aprendo la strada alle sponsorizzazioni del ciclismo moderno. Così facendo le squadre potevano stampare i loghi degli sponsor, favorendone la visibilità in corsa e cambiando l'aspetto estetico . Ancora oggi, soprattutto per squadre minori, questi spazi fisici sono fondamentali per costruire il budget che rende il team operativo per tutta la stagione.

La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 6
La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 0

I pantaloncini raggiunsero un alto livello in pochi anni, passando attraverso grandi rivoluzioni che ne hanno in poco tempo migliorato l’aspetto. Di pari passo con lo sviluppo e la ricerca, la mutazione e l’evoluzione non si è mai fermata e, seppur poco visibile, ha portato netti miglioramenti nelle prestazioni degli atleti.

 

LE ULTIME GRANDI INNOVAZIONI

Nel 1998 Castelli lancia il primo fondello - la zona a contatto con la sella - anatomico, che si adatta al corpo del ciclista. È ancora una volta Assos ad alzare il livello, quando all'inizio del nuovo millennio mette sul mercato il fondello che oggi viene utilizzato da tutti i professionisti, che riduce al minimo lo sfregamento cutaneo aderendo perfettamente ai movimento del corpo.

In modo alternato, le due case propongono innovazioni sul mercato. Nel 2009 torna sotto i riflettori Castelli Cycling che introduce una fascia elastica al termine dei pantaloncini, fissandoli ai quadricipiti degli atleti poco sopra al ginocchio e minimizzando l’ingresso dell’aria sotto il tessuto. La gamba rimane cosi ermeticamente calda permettendo una migliore prestazione in ogni condizione.Due anni più tardi arriva sul mercato il modello più rivoluzionario dell’ultimo decennio: il Body Paint. Si tratta di un pantaloncino realizzato con un singolo pezzo di tessuto e senza cuciture.

Oggi il pantaloncino è un secondo strato leggero, che si adatta perfettamente alla gamba del ciclista senza ostacolarne il movimento. La compressione del muscolo è curata nei minimi dettagli, i pezzi termosaldati sono di materiali differenti in base alle zone del corpo, permettendo all’atleta di sprigionare tutti watt che ha nelle gambe senza nessun impedimento.

La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 5
La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 3
La storia tecnologico-estetica dei pantaloncini da ciclismo Il capo che ha rivoluzionato l'abbigliamento sportivo: dalle corse fino alle passerelle | Image 4

 

NON UN CAPO QUALSIASI

La gamba è il motore di un ciclista, e il pantaloncino è diventato negli anni un oggetto sempre più fondamentale per l’atleta. Senza trascurarne l’aspetto estetico, è ritornato sulle passerelle come capo di moda, per un gusto che combacia con l'activewear che abbiamo visto in molte collezioni durante le ultime stagioni. Già nel 1995 Lady Diana aveva anticipato la tendenza, indossandoli come capo sportivo, ma è ai giorni nostri che i bike shorts si sono elevati grazie a Kim Kardashian, Bella Hadid e Hailey Baldwin, solo alcune delle celeb che li hanno indossati. Non è stato portato in passerella da brand di sportswear ma da case di alta moda, dal gusto solo apparentemente lontano a quello del ciclismo.