nss Christmas Mistery Box

Vedi tutti

La maglia del Napoli, ventiquattro ore prima

Le impronte di una tigre e tutte le indiscrezioni sulla maglia 2018-19 del Napoli

La maglia del Napoli, ventiquattro ore prima Le impronte di una tigre e tutte le indiscrezioni sulla maglia 2018-19 del Napoli
Credits: Dan Carrano

Lo sapevate che Carl Lewis, durante la meravigliosa olimpiade del 1984, indossava una canotta Kappa? In moltissime fotografie con le medaglie d’oro che contribuirono ad alimentare il mito de “Il figlio del vento”, il logo dei due omini spalla contro spalla è lì a mescolarsi con il blu, il rosso e il bianco della bandiera degli States. Per Lorenzo Boglione, vice presidente del settore vendite del gruppo BasicNet – di cui Kappa fa parte –, «averlo vestito ha dato al marchio Kappa eterna credibilità». Sono parole concesse alla rivista Vogue non più di cinque mesi fa e sono la ricostruzione di un pezzo di storia dello sport mondiale. Ma non solo. Boglione rivela l’obiettivo primario dell’azienda. Con le sue parole introduce un rilancio globale di Kappa, soprattutto per quanto riguarda lo sportswear di un certo livello. Nell’intervista, Boglione traccia la rotta per il futuro, filo conduttore che collega tutte le realtà sportive e tutti i Club che con Kappa hanno stretto partnership programmatiche. «I Millenials cercano autenticità, storie vere», aggiunge. Nel mondo del calcio, il suo team ha trovato e troverà miniere d’oro, in tal senso. Soprattutto se i club hanno bacini d’utenza enormi e giocano stabilmente nel magico circo dei nobili del fùtbol. Come il Napoli, ad esempio.

 

La maglia, la street art e il Napoli Calcio

Nel mare in burrasca e senza alcun appiglio che è il calcio d’estate, una data ha alimentato non poche aspettative tra i tifosi del Napoli. Tuttavia, il 18 di luglio non verrà annunciato nessun calciatore – magari un top player – riconducibile ad un soprannome che potrebbe essere associato ad un qualsiasi felino. Ma facciamo un passo indietro. A Napoli (poi, anche a Dimaro, sede del ritiro dei partenopei) sono apparsi alcuni murales stilizzati raffiguranti due zampe di tigre e una data. I colori utilizzati: azzurro e bianco, ovviamente. Il tam-tam mediatico, le poche certezze su chi potesse essere l’autore e il significato ignoto, sono state benzina sul fuoco. Il fuoco sbagliato: quello del calciomercato. Ma non ci è voluto molto per far rientrare tutto rapidamente nella giusta dimensione. I graffiti sono parte integrante di una strategia per la presentazione delle nuove maglie, quelle utilizzate durante la stagione 2018/2019. Una strategia di guerrilla marketingche punta a generare hype sui nuovi kit, home ed away. Ma non solo. 

La scelta di lanciare le nuove maglie rivelandone il tema caratterizzante (la presenza “dettagli felini stilizzati”) attraverso la street art è stata azzeccatissima. Napoli vive una sorta di età dell’oro per quanto riguarda l’arte di strada. Alcuni vecchi edifici sono stati completamente riconvertiti in opere d’arte a cielo aperto. Negli ultimi due anni, molti street artist italiani e internazionali sono arrivati in riva al Golfo per lasciare i loro contributi artistici. In questo nuovo scenario, lasciare delle zampe di felino con una data è stato come mettere una pulce nell’orecchio della città reale. Come detto, la voce ha cominciato a circolare, fino ad alimentare sogni-speranze-aspettative. A 360 gradi.

 

Del resto, che qualcosa di totalmente nuovo stesse bollendo in pentola, lo si era già percepito da rumors vicini alla società. Una novità assoluta, ma con ben chiaro il legame con il contesto che le maglie andranno a rappresentare. Perché, «I Millennials cercano storie vere». La sensazione è che le nuove maglie faranno parlare di loro, non poco. In passato, il Napoli ha azzardato un away kit alquanto insolito, come la camouflage (Macron) della stagione 2013/2014 e la away blue jeans della stagione successiva. Scommesse vinte senza se e senza ma, stando ai dati di vendita in Campania e in Italia. Gli azzardi non intimoriscono il Presidente De Laurentiis. Nella prossima maglia c’è molto di Aurelio ma anche Luigi De Laurentiis ha i suoi meriti. Ci sono le idee di Alessandro Formisano – Head of Operation, Sales & Marketing del Club –e del centro Ricerca e Sviluppo Kappa–. Un lavoro a otto mani.

Credits: Dan Carrano

 

Le maglie, i colori e la tecnologia

Un kit da gara di club in costante crescita – economica, di risultati e di appeal – non può non essere all’avanguardia anche per quanto riguarda la tecnologia dei materiali. Risalendo il fiume delle indiscrezioni, parzialmente confermate da membri dello staff e da addetti vendita già in possesso dei nuovi kit, il progetto di base è quello delle Kombat 2018.  

Stando alla fuga di notizie, i colori delle maglie sarebbero il grigio ghiaccio e il nero. Oltre la classica, azzurra come la Ennerre dell’86 – stessa tonalità della maglia home della stagione 2017/2018. Tutte e tre le maglie saranno impreziosite con dettagli che richiamano una tigre, con linee stilizzate. Il disegno dovrebbe integrarsi attraverso giochi di tonalità diverse del main color. Curiosamente, alcune settimane fa sono apparsi degli annunci “Coming Soon” su Amazon che confermavano i tre colori per le maglie 2018/2019, ma non è stata aggiunta nessuna immagine a supporto. Per quanto riguarda le maglie dei portieri, avremo la home di colore verde e la away in giallo paglierino. Sui kit per i portieri, sia home che away, non dovrebbero essere presenti “dettagli felini”, bensì dei serpenti stilizzati che si arrampicano sul dorso.

 

Migliorare i dettagli, evidentemente, non basta. Perfezionare le maglie in funzione di chi le indosserà sul campo, invece, si. La tecnologia della Kombat 2018 è nota: hydroway protection, tagli ergonomici e fitting strecht. Ancora, tessuti ultraleggeri, cuciture in nylon, massima traspirabilità. Ma lo sviluppo tecnologico non è mai un processo finito. È, anzi, in costante mutamento, diretto verso il futuro, come il processo di crescita del Napoli. Va detto che il contratto con Kappa (8 milioni l’anno per cinque stagioni) è in scadenza nel 2020 e le riconferme vanno conquistate con i numeri delle vendite. Anche perché, in città comincia ad aggirarsi l’ombra della Umbro.

Seguite nss sports per la presentazione ufficiale della maglia domani alle 14.