Di tanto in tanto sui giornali e nelle televisioni italiane viene riproposto l’annoso tema della carenza infrastrutturale del calcio italiano. In particolare gli stadi, con qualche piccola ma brillante eccezione, sono vecchi, decadenti e spesso inadatti a ospitare una partita di calcio. È altrettanto risaputo come invece le cose funzionino diversamente in Premier League, dove la maggior parte degli stadi sono vere e proprie opere d’arte e in generale si cerca sempre di migliorare il migliorabile. Ne è una dimostrazione il Crystal Palace che, anche se al momento occupa il 18º posto in Premier, ha appena annunciato un ammodernamento del Selhurst Park da 100 milioni di sterline.

L’arena del Palace è sempre stata considerata uno degli stadi più old-school del campionato inglese, uno di quelli in cui la passione dei tifosi britannici si fa sentire sul serio. E proprio sulla conservazione dell’anima del Selhurst Park ha girato tutto il progetto di rinnovamento, che non andrà a intaccare i quattro stand principali. Nei prossimi tre anni, infatti, il lavoro programmato da KSS - studio di architettura che ha curato anche i lavori ad Anfield, Twickenham e Wimbledon - andrà a focalizzarsi sul Main Stand, incrementando la capacità da 5.400 posti a più di 13.500, e sulla parte esterna dello stadio. 

Il Crystal Palace ha annunciato l'ammodernamento del Selhurst Park Lo stadio, che ospita il club inglese dal 1924, è sempre stato considerato un baluardo old-school della Premier League | Image 0
Il Crystal Palace ha annunciato l'ammodernamento del Selhurst Park Lo stadio, che ospita il club inglese dal 1924, è sempre stato considerato un baluardo old-school della Premier League | Image 1

La tribuna principale verrà infatti ricoperta da una copertura di vetro ispirata al design della Crystal Palace Exhibition Hall del 1851, con un arco a volta centrale decorato dallo stemma dorato del club. Ci saranno poi anche nuovi posti nei “distinti” e un museo del club. Il campo verrà allargato per rispettare le norme UEFA sulle competizioni internazionali e la visibilità migliorata in ogni settore. Non male per una squadra che nella sua storia ha fatto molti più campionati in seconda e terza divisione (70) che in Premier League (18). Il Selhurst Park, che ospita il Crystal Palace dal 1924, è pronto a risorgere.