Vedi tutti

Nike e adidas dominano le maglie del prossimo Mondiale

Povera Puma

Nike e adidas dominano le maglie del prossimo Mondiale Povera Puma

Con l'ultimo spareggio di martedì notte tra Nuova Zelanda e Perù anche l'ultimo posto per il Mondiale di Russia 2018 è stato prenotato. Aspettando il sorteggio dei gironi, al momento l'unica battaglia già decisa è quella tra i brand che sponsorizzano le nazionali: adidas e Nike dominano la scena, Puma esce con le osse rotte dalle qualificazioni dove sono sopravvissuti alcuni dei brand minori.

In cima alla classifica c'è adidas con ben dodici nazionali sponsorizzate. Il colosso tedesco ha già presentato tutte le divise che vedremo in Russia quest'estate, che per la maggior parte sono ispirate alle maglie degli anni '90 e '80. Dietro ad adidas c'è Nike con dieci nazionali, lo Swoosh ancora non ha presentato nessuna divisa per Russia 2018. Il crollo più importante rispetto allo scorso Mondiale lo ha avuto sicuramente Puma - che oltre all'Italia - ha perso ben sei squadre rispetto alla scorsa edizione, rimanendo solo con Uruguay e Svizzera. 

Anche Umbro (Serbia e Perù) e New Balance (Costa Rica e Panama) contano due squadre a testa, un discreto risultato per entrambi i brand. Quattro sono i brand che sponsorizzano una sola nazionale: c'è il grande ritorno di Hummel (Danimarca), Errea (Islanda), Romai (Senegal) e Uhlsports (Tunisia).