Liberato, uno dei cantanti napoletani più chiacchierati del momento, è da pochi giorni tornato a far parlare di sè con il suo nuovo singolo ME STAJE APPENNENN' AMÒ

Approdato ormai sulla scena internazionale - come lo testimoniano anche i sottotitoli in inglese inseriti nel video ufficiale della canzone - esprime attraverso i suoi brani la poeticità della vita di Napoli, i suoi segreti, i lati più oscuri ma anche i più magici. Una città che come poche riesce far sognare. 

Vi portiamo alla scoperta del suo ultimo brano con un b2b napoletano/italiano.

 

Me staje appennen’  Mi stai lasciando

Pecchè me staje appennen’.

Perché mi stai lasciando.

   

Pecchè me staje appennen’.

Pecchè me staje appennen’.

Pecchè me staje appennen’.

Perché mi stai lasciando. 

Perché mi stai lasciando.

Perché mi stai lasciando. 

   

Me staje appennen’ Ammore.

Mi stai lasciando Amore. 

Pecchè me staje appennen’,

me staje appennen’ Ammore.

Perché mi stai lasciando, 

mi stai lasciando Amore. 

   

M’arrevuot ‘o core e poi te ne vai.

Giochi con i miei sentimenti e poi te ne vai

Amm’ fatt’ ammore, but don’t tell me why.

Abbiamo fatto l’amore ma non chiedermi perché. 

Cient bomb a’llor, stong tutt i love you.

Vivo tante forti emozioni, sono innamoratissimo.

E na croce r’oro si tu nun ce staje cchiù.

 È una tragedia che tu non ci sia più.

Si tu nun ce staje cchiù. 

 Se non ci sei più.
   
Ind ‘o core nun sent’ niente, Nel cuore non sento niente,
co’ volume re cuffiett a vint. nonostante il volume delle cuffiette al massimo.
E parole tuoje se port ‘o vient’,  Le tue parole se le porta via il vento,
cu e ‘cumpagn tuoje miez’a gente. ti diverti come se non fosse successo niente
Stong arrefunnenn’ malament’,  Sto troppo male, 
chiagn’ sang ma è cos’ e niente. mi sto disperando ma fa nulla
Int ‘o core nun sent’ niente, Piccerè. Nel cuore non sento niente, Piccola. 
   
 Me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

 Pecchè  me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.
 Mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 
 Me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.
 Mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Pecchè me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Perchè mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Pecchè me staje appennen’. 
Perchè mi stai lasciando.
   

Me ‘ppicciat ‘o core e poi te ne vai,
nata vot’ ancora but don’t tell me why.

Mi infiammi il cuore e poi te ne vai,
di nuovo ma non chiedermi il perché.

Me mannat’ à for, stong tutt’ i love you.

Mi hai destabilizzato, sono innamoratissimo.

E na croce r’oro si tu nun ce staje cchiù.

E’ una croce d’oro se non ci sei più.

Ind ‘o core nun sent’ niente,
co’ volume re cuffiett a vint.

Nel cuore non sento niente, 
col volume delle cuffie al massimo.

E parole tuoje se port ‘o vient’,
cu e cumpagn tuoje miez’a gente (Ij ce crer’).

Le tue parole se le porta via il vento,
vai in giro con i tuoi amici tra la gente (io ci credo).

Stong arrefunnenn’ malament’ (nata vot’),
chiagn’ sang ma è cos’ e niente (nun sent’).

Sto troppo male (di nuovo),
piango sangue ma è cosa da poco (non sento).

Int ‘o core nun sent’ niente, Piccerè.

Nel cuore non sento niente, Piccola. 

   

Me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Pecchè staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Perchè mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Pecchè me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Perchè mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Me staje appennen’ Ammore,
pecchè me staje appennen’.

Mi stai lasciando Amore,
perché mi stai lasciando. 

Pecchè me staje appennen’.

Perché mi stai lasciando.
   

Pecchè nun me chiamm cchiù,
e  nun visualizz cchiù.

Perché non mi chiami più,
e non visualizzi più i miei messaggi. 

Pecchè me staje appennen’.

Perché mi stai lasciando.

Pecchè nun me chiamm cchiù,
e nun visualizz cchiù.

Perché non mi chiami più, 

e non visualizzi più i miei messaggi.

Pecchè me staje appennen’.

Perché mi stai lasciando.
   
Pecchè me staje appennen’. Perché mi stai lasciando.
   
 
cover image Ilaria D'Atri
ndr Il testo così scritto segue le regole della scuola di pensiero che vede il parlato riportato esattamente, senza contare le regole del napoletano classico.