Browse all

Motofumi Kogi a.k.a Poggy

The Game of Males

Motofumi Kogi a.k.a Poggy The Game of Males

286 C: Pantone Royal, questa la ricetta alchemica di Poggy "The Man", l'alchimista del Sol Levante, alla continua ricerca della formula per la sua personale pietra filosofale, il mix perfetto fra High Fashion e Street Style

Il maestro ha iniziato il suo apprendistato nella stessa azienda che oggi ha fatto del suo volto la sua immagine globale, la United Arrows, storica boutique Giapponese che fa dell'unione fra prodotti di alta sartoria e brands Street Couture, la base del suo linguaggio, ma non è sempre stato così.

"It's a long way to the top if you wanna rock'n roll" cantavano gli ACDC e anche per Motofumi "Poggy" Kogi la sinfonia non è stata diversa, le sue fatiche sono riconducibili a quattro momenti di transizione:

1. Il giovane Poggy dalla provincia Giapponese viene convinto da un amico ad entrare come assistente alle vendite, fra le schiere di United Arrows il cui alfabeto si ferma ancora alla S di Saville Row, e Supreme è solo il superlativo di migliore.

2. Poggy cresce, ha intuito e gusto, riesce a insinuarsi nel cuore del Press Manager di United convincendolo così a trasformare la Boutique nel vero guardaroba del giapponese moderno, accogliendo denim, vintage e etichette street.

3. La fatica però ancora non gli permette di accedere al Grall, a cui Poggy brama abbeverarsi, non ha la totale libertà di esprimersi, sceglie la via più impervia: Apre il suo Store "Liquor, Women and Tears", chiude poco dopo con tante lacrime e poche soddisfazioni.

4. E' il momento delle rivincite. United Arrows lo vuole come Direttore e Buyer della Premier Boutique a Harajuko, Tokio. La contro proposta di "Poggy" è semplice: Carta Bianca. In poco tempo ridesegna tutti i piani dello Store a cui cambia addirittura il nome United Arrows & Sons, perchè è nuova la sua generazione e sono nuovi i linguaggi stilistici che la boutique deve assorbire.

La chiave del suo linguaggio è ancora il completo, ma è Tokyo con i suoi quartieri dalle poliedriche visioni stilistiche a mischiare le carte e a creare la agognata unione fra la sartoria e la strada.

"Everybody shuld have his or her own style. See, style is individualistic. Someone can naturally make it their own, regardless of what they wear." Motofumi Kogi