Browse all

Toys' corner issue #1: Playmobil

Toys' corner issue #1: Playmobil

Alla veneranda età di venti e passa anni, siamo fieri di dire: We love toys! Ecco perché, non ci siamo fatti sfuggire l’opportunità di parlarne, usando il design come scusa per giocare ancora un po’.  Questa volta abbiamo letteralmente puntato la casa francese Leblon-Delienne, specializzata in statuette in resina fatte a mano, frutto di una lavorazione e colorazione artigianale, che riproducono fedelmente i nostri migliori amici di infanzia, da Asterix a Calimero, passando per loro, gli imbattibili Playmobil.

Abituati ai piccolissimi esemplari delle scatole delle costruzioni, perfetti in proporzioni e dettagli, non potevamo non rimanere a bocca aperta davanti a delle riproduzioni di 24 cm in tiratura limitata, solo mille nel mondo, che riportano alla luce i cinque personaggi storici della stirpe Playmobil: il poliziotto, con tanto di megafono e tenuta d’attacco alle infrazioni di resin-landia, l’indiano fornito di ascia e costume della tribù di toro seduto, lo sceriffo con tanto di fucile, baionetta e stella sul petto, il cavaliere con spada e armatura metallica scintillante e finiamo con l’operaio, armato di piccone e caschetto catarifrangente. Ci brillano gli occhi e tralasciamo il piccolo dettaglio della modica cifra di vendita al pubblico, 99.00 euro, dato che si tratta di rare riproduzioni su licenza del colosso del fumetto BD franco-belga, che ha reso possibile la creazione di simili statuette, un vero e proprio salto nel passato, ma diciamo la verità, parliamo pur sempre d’arte no?


Toys' corner issue #1: Playmobil | Image 3158
Toys' corner issue #1: Playmobil | Image 3160
Toys' corner issue #1: Playmobil | Image 3161
Toys' corner issue #1: Playmobil | Image 3162
Toys' corner issue #1: Playmobil | Image 3163