Browse all

Nike Football Spot Video: The History 1995 - 2012

Nike Football Spot Video: The History 1995 - 2012

Good VS Evil 1995 - Il primo spot Nike Football andò in onda alla fine del 1995, protagonisti di allora erano Paolo Maldini, Eric Cantonà, Kluivert, un giovanissimo Ronaldo, Rui Costa, Figo, Brolin, Davids, Ian Wright e il portiere del Messico Campos. Un'arena di gladiatori per una sfida memorabile e indimenticabile, Campioni terrestri contro demoni infernali intenti a cancellare dal nostro globo "il gioco più bello del mondo". Creato da Wieden + Kennedy, questo spot influenzò milioni di adolescenti in tutto il mondo che sui campi di calcetto e in partitelle per strada, esclamavano la solita frase finale di Eric Cantonà "Au Revoir". Good Vs Evil diede il là a una serie di advertising campaign di Nike Football che hanno lasciato realmente il segno.



The Beach 1997 - Fù l'anno della partitella tra amici in spiaggia a Tenerife, Roberto Carlos da una parte e Ronaldo dall'altra scelgono nei loro team rispettivamente, Hernan Crespo, Ibrahim BA e Nwankwo Kanu, contro Bobo Vieri, Luis Enrique e Ariel Ortega. Iniziavano ad essere sempre di più i campioni sotto contratto con Nike che si prestavano a questi spot che facevano il giro del mondo in poco tempo. Iniziavano a venir fuori timidamente i primi Trick da spiaggia che avrebbero poi fatto da padrone nei successivi spot, in effetti oltre alla colonna sonora tormentone, Bossa Nova di Quincy Jones, fummo rapiti dai colpi di spalla, tacco e rovesciate.



The Airport 1998 - Uno dei migliori, il più visto in assoluto, il più divertente fu lo spot della Selecao Brasiliana in attesa dell'imbarco all'aereoporto di Rio. Era l'anno dei mondiali 98 in Francia, poi persi proprio dal Brasile in finale contro Zidane e compagni. Ronaldo ancora protagonista, prende un pallone dal borsone e sveglia i compagni un pò annoiati con palleggi e giochetti di prestigio. Il Brasile ancora al centro dell'attenzione e ancora una volta in uno spot Nike prende corpo la "finta", Denilson dribbla tutti, Romario fa goal anche nel metal detector, Roberto Carlos calcia una palla a 300km/h con le sue solite "tre dita", ma Ronaldo sbaglia il goal nel finale. Nike capisce che l'utente è sempre più rapito da nuove mosse e palleggi da circo.



The Mission 2000 - E' l'anno dell'adrenalina, ancora gli olandesi Wieden + Kennedy diretti da Tarsem Singh regista del primo Spot del 95, danno vita a una nuova epica "Missione", recuperare il nuovo Pallone Nike, custodito in un tempio sacro strapieno di allarmi a infrarossi e samurai. Van Gaal ragruppa i calciatori migliori di quell'anno e con un elicottero li trasporta ai piedi della struttura, le loro armi sono un Pallone e i nuovi scarpini Nike che saranno poi la matrice delle attuali TOTAL 90. Davids dai suoi occhiali vede gli infrarossi, Thuram con un Tackle riesce a riappropiarsi del pallone, Totti la passa a Bierhoff, ma viene steso da un Guardiano, risolve Davids con la finta che per ben 5 anni abbiamo provato e imitato nelle strade, nai campetti e negli stadi di tutto il mondo. Un trick che ha dato vita a un vero e proprio movimento di Freestyler! Guardiola, Yorke, Cole, Figo e Nakata riescono a portare a termine la missione, ma nel mondo Nike qualcosa inizia a bollire in pentola.



Freestyle 2001 - Dopo i successi degli spot precedenti, l'avvento di internet, i picchi di vendite e il debutto di nuovi fenomeni, Nike decise di puntare tutto sul Freestyle. Quello che caratterizzava i giocatori e testimonial nikefreestyle erano le moves, le loro qualità speciali, infatti tecnica, controllo, palleggio erano le parole più usate nei viral adv del brand. Sul nuovo sito nikefreestyle.com diedero vita al primo network per freestyler, noi di nss ricordiamo ancora che c'era la possibilità di caricare i tuoi video (di pessima qualità) sui loro server ed eri subito in competizione con i Top. Questo fu lo spot che presentò uno dei primi progetti di webmarketing mai esistiti nell'era del 56k e adsl. Testimonial di allora un diciottenne Ronaldo Gaucho in arte Ronaldinho.




The Cage 2004 - La Gabbia, fu lo spot, il progetto, l'interazione, la guerrilla marketing, il lancio di un prodotto migliore che abbia mai visto. Ricordo ancora gli adesivi per strada dello "Scorpion", il simbolo che destò intrigo e che precedette il lancio dei vari episodi di the Cage. 24 Campioni da tutto il mondo, chiamati da Eric Cantona, ambasciatore Nike Football, ad affrontarsi in una gabbia rettangolare in partitelle 3 contro 3, dove fuoriuscivano Tricks e Moves che facevano accapponare la pelle, il tutto sulle note di Elvis Presley - A little less conversation! The Cage affiancò l'epoca del freestyle e anticipò il lancio di tre prodotti standard di scarpe da calcio, che col tempo si sono evolute e ripetute, Nike Mercurial I, Nike Total 90, Nike Legend. Lo Spot precedette inoltre un mega tour di Tornei in tutto il mondo, veri e propri eventi Nike presieduti nelle migliori piazze di tantissime città, dove potevi iscriverti e partecipare secondo le stesse regole dello spot, partitelle di 3 contro 3, chi passava il turno sfidava i vincitori di ogni nazione. Fu un vero e proprio Boom!



Freestyle stickman 2005 - Il freestyle era ovunque, Nike vide i frutti degli investimenti. Il network di freestyler si era esteso in tutto il mondo, e ormai venivano fuori talenti da ogni dove. Sul sito nikefreestyle.com per la prima volta grazie a un mezzo come internet, apparivano volti comuni, giocatori di calcetto e amanti del freestyle, messi sotto contratto da Nike per diffondere al meglio la scuola del calcetto da strada, le mosse, i tricks. Nei nuovi spot Nike non c'erano più i campioni di un tempo, ma solo gente comune, ragazzi non professionisti e poi l'icona del freestyle moderno, Ronaldinho. Grazie al vastissimo network che Nike creò, ogni regione commerciale (US, Europa, Asia) iniziava ad avere dei propri spot Nike con il proprio fenomeno di turno. In questo spot ufficiale divulgato in tutto il mondo nel 2005, c'è una figura come Stickman (non abbiamo mai capito perchè) che si appiccica a Ronaldinho mentre compie palleggi, giravolte e colpi di schiena. Per la prima volta un alieno palleggiava con dei ragazzi qualunque, si gettarono le basi dei più recenti progetti di webmarketing odierni (Scrivi il futuro, the Chosen, The Chance, Make it count).



Nike Olé 2006 - Gli anni dopo the Cage e l'avvento del freestyle videro l'ampliamento del pacchetto testimonial Nike, si arrivò quasi a rappresentare nel caso di Brasile e Portogallo quasi le due intere squadre. Lo spot Olé non emozionò le masse, abituati a progetti ben più grandi e a spot molto più epici. Ancora volti come Figo, Ronaldo, Roberto Carlos, Denilson e dei giovani come Cristiano Ronaldo e Ronaldinho diedero vita a una sfida di dribbling all'ultimo colpo. Lo spot fece da lancio alle nuove divise delle nazionali di Brasile e Portogallo e come al solito c'è un cameo di Eric Cantona, ma per la prima volta riuscimmo a vedere in slow motion "l'elastico" di Ronaldinho.



Nike Joga Bonito 2007 - Con Nike Joga Bonito, si ritornò a puntare su un progetto che interagiva con il web e il mondo del freestyle. Nike Joga bonito fu una vera e propria propaganda, un leit motiv del bel calcio, giocare divertendosi, prendendo spunto dalla solita selecao brasiliana. I Top player erano (uno spento) Ronaldo, Ronaldinho, Roberto Carlos, Adriano, Robinho, Cicinho, che addomesticavano la tensione da spogliatoio con passaggi, dribbling, tricks, sorrisi e la solita colonna sonora Mas Que Nada. Joga Bonito vide ancora una serie di Tornei nel mondo e ricercava giovani di talento promettendo sponsorizzazioni e provini con grandi club europei. Nei vari siti web Nikefootball del resto del mondo, andavano online progetti di Freestyle e interviste a ragazzi non professionisti sui loro stili e tendenze calcistiche.



Nike Take It To The Next Level 2008 - Si intravide una svolta, Nike puntò tutto sui propri consumatori, attraverso uno spot girato in POV (Point Of View), si lasciò intendere che partecipando al nuovo progetto Take it to the next Level poteva succedere realmente qualcosa di serio, ma forse dovevi comprare anche le scarpe giuste, forse dovevi nascere in inghilterra, forse dovevi avere 18 anni, forse non era vero. Il progetto su internet, vide una serie di campioni rappresentati da Nike, che spiegavano come le loro vite cambiarono in base a delle scelte e in base a quanto loro credevano in se stessi, in più alcuni Top furono testimonial di veri e propri tutorial su tricks e giocate sensazionali, puntando tutto sempre sullo "joga Bonito" e il "freestyle". Un mezzo Flop, ma il progetto di interazione col consumatore prese forma. Questo spot vede noi stessi, consumatori incalliti Nike e appassionati di calcio come protagonisti, partendo dalle giovanili di una squadra inglese ad arrivare alla panchina dell'Arsenal, per poi giocare contro Rooney, Ronaldo, Ibra, Materazzi e in nazionale con Huntelaar, il messaggio finale è che chiunque può passare al prossimo livello.



Nike Write the Future 2010 - Spot che ha lo stesso significato di quello precedente, vieni a scoprire su nike.com (perche c'è un grande e-commerce nuovo) come scrivere il tuo futuro! Sono quasi due anni consecutivi che Nike batte su questa storia, che fa un pò acqua ovunque. Nello spot che è più uno short Movie, realizzato con tecniche di montaggio avanzate, si vedono tutti i nuovi campioni Nike che in base a delle decisioni, un goal, una traversa, vedono il loro futuro cambiato inaspettatamente. Lo spot è girato con delle moderne attrezzature, c'è una bella idea dietro, c'è ancora più forte sotto il progetto di interattività col consumatore, lo scambio attivo di informazioni con gli utenti e internauti Nike. Ma non da proprio i frutti sperati, facendo rimpiangere quasi i primi anni 2000.



Nike 2011 For Ever Fenomeno - Spot Nike in onda solo sul web, ma che ci sentiamo in obbligo di postare. Nike per l'addio al calcio di Ronaldo, crea un video veramente stupendo. Tanti mini short video che ti invitano a capire cosa Ronaldo ha cambiato nel calcio. Se prima si usava esultare in un modo, Before Ronaldo, dopo la sua era in tutto il mondo i suoi fan esultano col dito alzato al cielo, After Ronaldo. Prima si usavano scarpini poco adatti e tecnicamente scarsi per giocare al calcio, Ronaldo perfezionò e diede vita alle Mercurial Vapor  (il primo paia di vapor fu creato per lui e in collaborazione con lui per i mondiali 98. Erano le mitiche R9). Tutto il video è impostato in questo mood, ed è veramente bello e nostalgico.



Nike My time is Now 2012 - Ci siamo! Dopo anni di Freestyle, Selecao brasiliana, progetti web, diventa un campione, interazione, tornei, guerrilla marketing, oggi veniamo rapiti da questo ultimo spot che racchiude realmente tutto detto precedentemente e parte del mondo Nike, infatti c'è un cameo nel video anche di Lebron James. Nel match in corso, tra Francia e Olanda, maree di giovani atletici pronti a sfidare la sorte e i propri campioni preferiti, si destreggiano con tricks, sforbiciate, tunnel, tra flash, luci, emozioni. Il video invita inoltre a scoprire i contenuti speciali sul sito Nike dove vige sempre la solita interazione e la voglia di creare sempre di più un network Nike, formato da talenti emergenti, customers e vecchie glorie. Lo spot è veramente figo ed è girato con tecniche simili ai precedenti, ma nuovi tricks, nuovi campioni come Neymar e le punizioni di Snejder danno vita a una sorta di minestra riscaldata. Buona visione!